Sparatoria per le vie del centro: ferito un ambulante

Poco dopo la mezzanotte di oggi, a Taranto, tra le Vie Oberdan e Gorizia, ignoti hanno esploso un colpo d’arma da fuoco

nei confronti di un 30enne, commerciante ambulante di origine marocchina, da circa dieci anni residente nel capoluogo jonico, che stava rincasando. L’uomo, ferito al ginocchio sinistro, è stato trasportato nel vicino ospedale SS. Annunziata e giudicato guaribile in 15 gg.
Indagini sono in corso per ricostruire la dinamica dell’evento, da parte dei militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia dei Carabinieri di Taranto.
“Il ferimento di questa notte… è l’ultimo inquietante episodio di una serie che sembra purtroppo interminabile.” – dice l’on. Vincenza Labriola (FI)- “Sangue che si aggiunge ad altro sangue, ad altri episodi criminali rivolti alle attività commerciali, siano esse supermercati, ristoranti o piccole botteghe artigiane. Una Taranto brutta e pericolosa, nella quale è già in atto un processo di desertificazione commerciale. Perché gli abitanti del centro hanno sempre più paura”.
“Per cinque anni l’amministrazione Stefano non ha saputo mettere in atto strumenti idonei per la tutela dei cittadini, del commercio, per migliorare una qualità della vita da tempo compromessa, utilizzando ad esempio con maggiore efficacia la polizia municipale – prosegue Labriola –. In un recente incontro con il Prefetto, avvenuto a primavera, ho esposto al rappresentante di governo le mie preoccupazioni per il presente e il futuro di Taranto, ma la situazione, ad oggi, rimane immobile. Il prefetto, il questore e il nuovo primo cittadino abbiano consapevolezza della situazione di difficoltà vissuta da Taranto, e non dimentichino l’allarme lanciato un anno e mezzo fa dalla presidente dell’Antimafia Bindi, che palesò il rischio ‘ndrangheta per la nostra città. Basta aspettare inutilmente, basta fare finta di non vedere. Urge una risposta seria e concreta da parte delle istituzioni”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: