Trevisi (M5S) Predisporre uno specifico piano di smaltimento per i rifiuti sanitari infetti o radioattivi prodotti in ambito domestico.

Predisporre uno specifico piano di smaltimento per i rifiuti sanitari infetti o radioattivi prodotti in ambito domestico. È quanto chiede il consigliere del M5S Antonio Trevisi, che, a tal fine, ha inviato una PEC alla Sezione Rifiuti e Bonifiche della Regione Puglia.

“Bisogna evitare che i rifiuti radioattivi – spiega il pentastellato – che in ambiente domestico possono essere prodotti da pazienti dimessi a seguito della somministrazione di sostanze radioattive a scopo diagnostico e terapeutico, confluiscano negli ordinari canali della raccolta differenziata porta a porta.”

Il consigliere cinquestelle ricorda che, di recente, si è verificato un nuovo caso di allarme radioattivo nelle discariche salentine ed i mezzi per la raccolta di rifiuti solidi urbani sono stati sottoposti a fermo proprio al fine di smaltire la radioattività.

“La normativa applicabile in materia – conclude Trevisi -sembra presentare sul punto un sostanziale vuoto, occupandosi esclusivamente del trattamento di questo tipo di rifiuti, quando questi vengono prodotti in ambiente ospedaliero”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: