Re-think Latiano: 20 studenti riprogettano la città

Dal 3 al 14 luglio prossimi, venti studenti del Politecnico di Bari, di Ingegneria e di Architettura, saranno ospitati a Latiano nell’ambito di un laboratorio innovativo dedicato alla riprogettazione del territorio urbano. Gli studenti lavoreranno sul campo in una full immersion guidata da docenti-tutor dell’ateneo e in collaborazione con l’ufficio tecnico comunale. L’iniziativa, promossa dall’associazione culturale “L’Isola che non c’è” in collaborazione con Federalberghi Brindisi, ha l’obiettivo di raccogliere idee e trasformarle in progetti per modernizzare la città, arricchirla di nuove strutture e spazi e renderla più funzionale, sul modello delle Smart cities. Base operativa sarà il Palazzo Imperiali di Latiano, antica sede restaurata del Municipio, dove verranno allestite le postazioni di lavoro a cura del dipartimento di Scienze dell’Ingegneria civile e dell’architettura del Politecnico, grazie all’intervento di sponsor privati. Il progetto, organizzato in forma di workshop, si intitola Re-think Latiano, per richiamare l’idea di ripensare il territorio urbano.
Alla presentazione che si è tenuta nella presidenza della Regione Puglia erano presenti il rettore del Politecnico, Eugenio Di Sciascio, il sindaco di Latiano, Cosimo Maiorano, il presidente di Federalberghi Brindisi Pierangelo Argentieri, il presidente dell’Isola che non c’è, Tiziano Fattizzo, il presidente della giunta regionale, Michele Emiliano e l’assessore all’Urbanistica Anna Maria Curcuruto.

“Oggi avete realizzato un progetto che rende orgogliosi tutti i pugliesi – ha dichiarato il presidente Emiliano – attraverso una modalità basata sulla partecipazione che condivido totalmente. Il Politecnico da sempre ci fornisce incredibili stimoli e lavoriamo permanentemente insieme. La Federalberghi Puglia ha un ruolo sempre più importante, così come è importante il coinvolgimento dell’associazione culturale. Siamo quindi contenti che lo schema di battaglia del Comune di Latiano includa tutti i soggetti che pensano di lavorare sulla bellezza del territorio per ricavare una crescita fondata sulla percezione dell’identità attraverso il disegno urbanistico e architettonico. Una bella occasione per i giovani, che ci ricordano che si può costruire diversamente e progettare l’urbanistica in modo differente. Quelli che sembrano interessi irrinunciabili in realtà non contano nulla. Ciò che conta è la memoria che viene tramandata, perché il ripensare la città, il riuso, partire dal passato per progettare il futuro, significa che siamo consapevoli del luogo dal quale veniamo e che vogliamo costruire qualcosa che non sia la negazione del passato, a volte straordinario, che ci ha generato”.

“So che Latiano – ha detto l’assessore Curcuruto – sta elaborando il programma insieme ale città di Oria e Mesagne. Tutti questi elementi, la partecipazione dell’associazione culturale e della Federalberghi danno premialità, perché il bando è stato concepito proprio per avere non solo opere pubbliche ma anche la partecipazione attiva della popolazione. In questo caso l’elemento fortissimo è anche la presenza del Politecnico. Questo gruppo di lavoro sarà il valore aggiunto di questa progettualità”.

«Supportiamo volentieri questa iniziativa sul piano scientifico -ha commentato Di Sciascio – perché ci consente di dare un contributo allo sviluppo del territorio mettendo a frutto le capacità e l’inventiva dei nostri giovani talenti». «Come unico Politecnico nel Sud Italia – ha aggiunto il rettore – siamo fortemente impegnati nella costruzione e nel rafforzamento di un rapporto sempre più stretto con le imprese, per l’innovazione tecnologica, ma anche con gli enti e le istituzioni che vogliano fare innovazione, in tutti gli ambiti in cui questa sia richiesta, nell’ottica di un ecosistema in cui ognuno faccia la propria parte».

Per il sindaco, Maiorano, «Latiano ha bisogno di un piano urbanistico che la proietti verso il futuro, ma che allo stesso tempo sia saldamente ancorato alla sua identità e ne rispetti la memoria. Quando, all’interno dell’associazione, è nata questa idea – ha aggiunto il primo cittadino – non abbiamo avuto dubbi che il partner ideale sarebbe stato il Politecnico di Bari, vera eccellenza culturale del nostro Meridione e fucina di innovazione in continuo miglioramento».

Il programma del Workshop prevede delle visite guidate, per consentire agli studenti di conoscere il territorio, poi una serie di incontri tematici, con tecnici locali, docenti universitari e professionisti esperti del progetto architettonico, urbano e paesaggistico; del recupero e valorizzazione dei nuclei antichi e degli spazi marginali della città; delle Smart Cities e degli strumenti urbanistici innovativi. Il tema portante della rigenerazione urbana sarà affrontato anche dal punto di vista finanziario, per individuare gli strumenti che consentiranno di concretizzare i progetti che saranno presentati. A conclusione del laboratorio, si terrà una tavola rotonda per presentare al territorio i risultati ottenuti.latiano_palazzo_imperiali

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: