In tempi di restrizioni sociali, l’importanza delle regole. Le riflessioni di Angelo Ilario Briganti

                   «Ci sarà il dopo pandemia (da Covid-19) con un obiettivo primario: la RICOSTRUZIONE.»

                            Il pensiero corre al dopo lockdown e a come far ripartire l’Italia. Un contributo al dibattito giunge da Angelo Ilario Briganti, Rappresentante agli Organi Collegiali di Unisalento.

« L’emergenza, è  una condizione di eccezionalità ed in quanto tale – afferma Briganti – impone di evidenziare le priorità: semplificazione delle procedure per il conseguimento di obiettivi e per la salvaguardia degli  interessi di natura generale.

  Seguendo tale percorso, nella collaborazione di cittadini ed istituzioni, la vita e la quotidianità, sia pur in modo graduale, riprenderanno  i  loro ritmi.»

              Secondo Briganti « L’intera classe politica della nostra nazione dovrà mettere da parte le ‘logiche divisive di palazzo’, il futuro va riprogrammato con i sindaci ed i governatori delle regioni, per aiutare attivamente il Governo nazionale, ad avviare un dialogo costruttivo per un reale rapporto di collaborazione con l’UE  per riedificare rivalutare le relazioni tra gli Stati Uniti d’Europa rilanciando nuovi progetti, obiettivi comuni.

  Per far ripartire, con interventi mirati concreti, i comparti produttivi gravemente   compromessi  in stato di angoscioso empasse-  inoltre,  – sostiene BRIGANTI – bisognerà  dare avvio a nuovi programmi volti, a far ripartire  con nuovo slancio la ricerca, le università le scuola.

                 Fatta questa breve considerazione, quale può essere il contributo del Diritto in riferimento all’attuale momento Storico che stiamo vivendo? ‘Restare a Casa’: parole che ci ripetono da settimane, …è tempo di  lottare  tutti  insieme per un unico grande obiettivo: la libertà di domani…

                Ricordando -afferma BRIGANTI:- l’importanza dei divieti che, devono necessariamente avere una legittimazione, un fondamento, da qui il Diritto Punitivo deve concretizzarsi in regole certe che rendono prevedibile le conseguenze dell’agire del individuo.

                 Altro importante aspetto, è quello, di tradurre il sapere scientifico in regole di comportamento per la collettività. Ciò non possono farlo solo i Medici, gli Operatori Sanitari. Un aspetto è sapere come il virus si diffonde. Ben altro è, invece, mettere in giusta evidenza le condotte di vietare nella vita quotidiana delle persone delle azioni comportamentali di giuste regole affinché questo non accada.

                    Per definire questi “modi d’agire non è sufficiente la scienza, difatti le leggi scientifiche parlano dell’importanza delle Regole.

                  In queste giornate di restrizioni sociali,  divieti di assembramento – conclude la riflessione di Angelo Ilario Briganti – utilizziamo parte del  tempo ponendo, l’ ambito di riflessione, sulla loro fondamentale rilevanza. Solo così potremo realmente ripartire,  per un reale nuovo inizio che  restituirà la libertà ad ognuno di noi per tornare ad agire privi di costrizioni e divieti. »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: