Ambito Ta/6: riprende il Servizio Assistenza Domiciliare, grazie a intervento della Regione Puglia

La Regione Puglia si farà carico delle spese del Servizio di Assistenza Domiciliare destinato alle famiglie con ragazzi diversamente abili dei 12 Comuni ricadenti nell’Ambito territoriale numero 6 della provincia di Taranto che, nei giorni scorsi, era stato sospeso. La notizia è stata diffusa dal Consigliere Regionale Giuseppe Turco che, avendo appreso del disagio, ha immediatamente informato l’Assessore Salvatore Negro. Nonostante la pausa estiva, di fronte ad un problema così serio e importante, l’Assessore Negro, d’intesa con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, ha preso contatti con l’Assessore al Bilancio Raffaele Piemontese che ha reperito i fondi necessari per la copertura del servizio sino a fine Ottobre quando, a tutti gli Ambiti, arriveranno i fondi della nuova annualità.

C’è da dire che la Regione Puglia in tutta questa vicenda non ha alcuna responsabilità come, tra l’altro, ha spiegato nei giorni scorsi il Presidente del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito Territoriale n. 6/TA, il sindaco di Grottaglie Ciro D’Alò:”Il servizio SAD attualmente costa circa 100.000 euro al mese ed è stato finanziato con fondi ministeriali PAC che al momento sono terminati e che né le casse dei Comuni né tantomeno lo stanziamento annuale previsto per l’Ambito territoriale può coprire, se si considera che lo stesso ha ricevuto dalla Regione circa 780.000 euro per finanziare tutti i servizi, non comprendenti del SAD. La copertura dei fondi ministeriali comunque era prevista sino a giugno 2018, ma purtroppo l’errata formulazione del regolamento per la fruizione del servizio, avvenuta nel 2015, e il mancato monitoraggio da parte del precedente responsabile dell’Ufficio di Piano, hanno determinato lo sforamento del budget. L’attuale amministrazione comunale di Grottaglie, dopo avere constatato la mancanza di comunicazione da parte del suddetto responsabile, lo ha rimosso dall’incarico e il nuovo funzionario ha prontamente evidenziato il problema della copertura economica del SAD.”

“La Regione Puglia non lascia indietro nessuno, specie chi ha più bisogno. Il servizio di assistenza domiciliare (Sad) sospeso nei 12 comuni ricadenti nell’ambito territoriale numero 6 della provincia di Taranto sarà ripreso. – afferma con soddisfazione il Consigliere Turco – L’azione svolta nei confronti dell’assessore regionale al welfare Negro e dell’assessore regionale al bilancio Piemontese ha dato i suoi frutti, malgrado il periodo ferragostano. Ma la politica non può andare in vacanza quando apprende che viene sospeso un servizio così importante per la vita di decine di famiglie.” Secondo Turco, però, per evitare che simili errori accadano in futuro “è necessario trasformare gli Ambiti in Consorzi, che non sono tenuti al patto di stabilità e hanno dipendenti a tempo indeterminato vincitori di concorso.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: