Taranto. “Pulire i Tamburi impiegando i dipendenti Isola Verde”: al via la petizione.

“Puliamo le aree pubbliche dei Tamburi e di Statte e diamo lavoro ai dipendenti di Isola Verde”: è quanto propongono i Verdi della Provincia di Taranto in una petizione ai Sindaci di Taranto e Statte e al Presidente della Provincia.

Il documento, presentato questa mattina, offre “una soluzione a due ordini di problemi: quello della tutela dei posti di lavoro della società Isola verde, messo a rischio dalla pessima riforma delle Province, e quello della pulizia del quartiere Tamburi al fine di garantire la salute di coloro che ci vivono”.

Nel riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata il 26 ottobre 2012, l’ultima prescrizione prevede che l’Ilva, su specifica richiesta dei Sindaci dei Comuni di Taranto e di Statte, garantisca alle medesime autorità comunali, il ristoro degli oneri derivanti ai comuni dalla pulizia delle aree prospicienti lo stabilimento e di tutte le aree pubbliche dei Tamburi”, con scadenza in data 27 ottobre 2012. Tale prescrizione permette di applicare il principio “Chi inquina paga”, introdotto dalla normativa europea, a tutela del contribuente e a danno dell’inquinatore;
I Comuni di Taranto e Statte non hanno mai richiesto all’azienda lo svolgimento di questi lavori, ma i gravi problemi di bilancio del Comune di Taranto rendono assurdo e illecito finanziare attività che dovrebbero essere pagate da un privato.
Intanto la recente riforma degli Enti locali rischia di lasciare senza lavoro i dipendenti di Isola verde, società in house della Provincia di Taranto che ha tra i suoi compiti la pulizia delle strade;
Per risanare lo stato di degrado del quartiere Tamburi che persiste da ormai troppo tempo e necessita di interventi quotidiani, con la petizione i Verdi chiedono che
1) il Sindaco di Taranto faccia richiesta all’Ilva di attuare la pulizia delle aree pubbliche del quartiere Tamburi così come previsto dall’ultima prescrizione dell’AIA Ilva;
2) il Sindaco di Statte faccia richiesta all’Ilva di attuare la pulizia delle aree pubbliche del territorio comunale così come previsto dall’ultima prescrizione dell’AIA Ilva;
3) il Sindaco e il Presidente della Provincia di Taranto stipulino un protocollo di intesa che consenta di destinare i lavoratori di Isola verde alla pulizia delle strade intorno agli impianti Ilva a valere sulle risorse recuperate dall’Ilva in adempimento all’ultima prescrizione del Riesame.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: