Sava: il servizio tributi locali sarà affidato in concessione

Nell’ultima seduta dello scorso 25 Agosto il consiglio comunale di Sava ha approvato le direttive per l’espletamento della gara di assegnazione in concessione dell’attività di accertamento e riscossione dei tributi locali. L’attività di esazione ordinaria resterà di competenza dell’ufficio tributi mentre verrà affidata in concessione tutta l’attività di accertamento e riscossione coattiva dei tributi locali ICI-IMU-TASI-TARSU-TARES-TARI e di tutti i tributi minori. Al fine di aumentare la platea dei contribuenti, per un’equa distribuzione del carico tributario, il concessionario fornirà attività di supporto all’ufficio comunale dei tributi per l’accertamento dei contribuenti che non hanno denunciato la propria posizione. Il concessionario effettuerà la propria attività sui sistemi informatici in dotazione al Comune di Sava, tutti gli archivi tributari saranno così sempre disponibili a qualsiasi controllo da parte dell’Amministrazione stessa. Tutte le somme oggetto dell’attività di riscossione, ordinaria e coattiva, circoleranno sui conti correnti dell’Ente a maggiore tutela e garanzia patrimoniale. La gara sarà aperta e ad offerta migliorativa, la durata della concessione di cinque anni e i soggetti ammessi al bando saranno tutte le società certificate iscritte all’Albo per l’accertamento e riscossione delle entrate degli enti locali tenuto dal Ministero delle Finanze.
L’argomento è stato approfondito dal consigliere Marco di Punzio delegato ai tributi che ha commentato con soddisfazione:“L’approvazione delle direttive è un’importante atto di responsabilità da parte di questa Amministrazione che intente garantire la massima trasparenza e regolarità all’azione accertativa e di riscossione tutelando pienamente le entrate Comunali e gli interessi dei cittadini”
Alla “svolta” si è giunti dopo una serie di problematiche connesse alla vecchia gestione dei tributi
“Sava non può subire ulteriori ritardi nella riscossione e nella gestione dei tributi. – ha affermato il sindaco Dario Iaia – Abbiamo ereditato molte difficoltà operative dal precedente concessionario che gli uffici comunali sono riusciti a colmare con un enorme lavoro. Ora decidiamo in maniera razionale di gestire l’esazione ordinaria per il tramite dei nostri uffici e di affidare all’esterno, lavorando su supporti informatici del comune, l’attività di accertamento e riscossione coattiva. Verranno così implementati gli archivi tributari comunali e, l’accredito di tutte le somme incassate sul conto corrente dell’Ente, – conclude Iaia – sarà importante garanzia di tutela degli interessi di tutti i cittadini che l’Amministrazione rappresenta”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: