Manduria: Videocamere ad alta definizione per il controllo antincendio boschivo nelle Riserve Naturali

Preservare dagli incendi boschivi. E’ l’imperativo per chi ha a cuore le Riserve Naturali di Manduria. Un aiuto in tal senso oggi arriva dalla tecnologia.

La Regione Puglia – Sezione Protezione Civile ha dotato Le Riserve Naturali del Litorale Tarantino di un sistema di videocamere ad alta definizione per il controllo antincendio boschivo nell’ambito delle attività di Ofidia 2 – Incendi, prevenzione e pronto intervento in Puglia e in Grecia.

Il progetto di cooperazione transfrontaliera Ofidia 2 – Operational FIre Danger preventIon plAtform è finanziato per € 1.854.000 dal Programma Interreg V-A Grecia– Italia 2014-2020.

Nato dall’incontro tra ricerca d’eccellenza, tecnologia d’avanguardia, enti ed agenzie pubbliche italiane e greche, il progetto ha l’obiettivo di migliorare la sicurezza dell’ambiente dal pericolo degli incendi boschivi. La Fondazione CMCC ( Centro Euro-mediterraneo sui cambiamenti climatici ) è capofila del progetto, che coinvolge, sul lato Italia, la Regione Puglia – Sezione Protezione Civile mentre sul fronte greco vede protagoniste l’Amministrazione decentralizzata di Epirus-Western Macedonia (DAEWM) , e l’Università di Ioannina. Una rete di tecnologie, infrastrutture e conoscenze scientifiche è il cuore del progetto che mira a portare in Puglia e nella regione greca dell’Epiro nuove soluzioni per la prevenzione e la gestione di incendi boschivi nelle foreste e nelle zone rurali.

Tra le 4 aree virtuose sono state selezionate le Riserve Naturali del Litorale Tarantino, grazie all’impegno attivo dal 2011 in prevenzione incendi e ai risultati ottenuti, come area pilota per l’installazione di videocamere ad alta definizione, reti di sensori wireless e droni, strumenti messi a disposizione per monitorare anche le zone più remote e più isolate, mentre una nuova sala operativa sarà il quartier generale delle operazioni necessarie.

Nell’area dei boschi Cuturi e Rosamarina sono installati 2 tipi di sensori (preallarme e allarme) che rilevano rispettivamente tutti i parametri vitali del bosco (traspirazione, accrescimento diametrico, trasporto idrico, umidità del legno, colore delle foglie, ecc..) e di controllo incendi (es. fiamma, CO2, ozono, particolato, ecc..). Masseria Cuturi , che si ringrazia per la fattiva collaborazione, e Torre Colimena sono i siti pilota dove sono state installate le prime 2 video camere ad alta definizione e di controllo a 360°. OFIDIA 2 , è l’evoluzione del progetto OFIDIA 1 già finanziato nella precedente programmazione Interreg Italia – Grecia 2007-2013 e di cui capitalizza i risultati per implementarli, aggiornarli, innovarli e ampliare le aree di monitoraggio. La rete di sensori, vera e propria infrastruttura operativa per i big data, raccoglie dati in tempo reale e consente di utilizzare informazioni essenziali per la salvaguardia del paesaggio e delle risorse ambientali in due regioni mediterranee che hanno nel patrimonio ambientale e paesaggistico una delle risorse principali per le società, le economie e la cultura dei rispettivi territori e delle rispettive comunità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: