Manduria: piantumata una magnolia al posto delle palme

Una magnolia al posto vuoto delle palme. Il dott. Nicola Dimonopoli ha dato seguito all’iniziativa lanciata qualche mese fa ed ha provveduto a far mettere a dimora una magnoliaper colmare il posto vuoto lasciato dalle palme.
Potrebbe essere anche solo una coincidenza, ma da quando sono stati eseguiti i lavori di riqualificazione, le antiche imponenti palme che abbellivano e caratterizzavano il corso XX Settembre hanno lasciato un vuoto che rattrista quanti all’ombra di quelle palme hanno passeggiato, giocato e vissuto anni della propria esistenza. C’è chi dice che potrebbero essere state danneggiate le radici, chi attribuisce tale danno alla minore quantità di acqua trattenuta dalle attuali grate rispetto a quando c’era il cordolo attorno all’aiuola, poi è arrivato anche il punteruolo rosso che le ha aggredite mortalmente. Sta di fatto che rispetto al look prospettato durante la presentazione dei lavori di riqualificazione il corso ora ha un aspetto desolante: almeno una dozzina i posti vuoti e le altre piante si vedono malate, pronte a cedere.
Manduria, purtroppo, ha perso un vero e proprio patrimonio subendo un notevole danno paesaggistico ed economico: basti pensare che una palma alta una decina di metri oggi è quotata circa 10 mila Euro. Il corso XX Settembre così com’è oggi sembra simboleggiare il culmine della decadenza di questa città ridotta così’ anche da una classe politica assente e disattenta.
Le casse comunali non disporrebbero dei soldi necessari per ripristinare il verde. C’è chi non ci sta. Occorre agire e riabbellire questo importante biglietto da visita della città. E’ raccogliendo questo sentimento condiviso da tanti che il dottor Dimonopoli ha voluto impegnarsi in prima persona, dando il via ad un sogno: vedere risplendere corso XX Settembre.
Da cittadino, ci tiene a sottolineare, il dott. Di Monopoli che riveste anche il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale di Manduria, dopo aver assunto i pareri e le autorizzazioni dell’Ufficio Tecnico, in continuità con altre piante già presenti sul corso, ha acquistato una magnolia e l’ha fatta mettere a dimora. 300 euro in tutto di spesa.
Il suo esempio sarà seguito già da altre due aziende che hanno aderito al progetto: la Fanelli Piante e La Eden 94. L’appello è ora rivolto anche ad altri privati o aziende. In cambio sarà fissata una targhetta pubblicitaria sotto l’albero. Ma in futuro potrebbe essere installato un totem luminoso per far scorrere gratuitamente il nome di chi ha contribuito a restituire la bellezza al corso.
Il dr. Dimonopoli ha iniziato a realizzare il suo sogno…ed ora chiede ai cittadini di condividerlo e completarlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: