Green Italia: decreto su misura dei Riva e grandi inquinatori. Schiaffo alla città di Taranto

“I Riva e Federacciai dettano e i ministri Guidi e Galletti diligentemente eseguono. Il decreto varato dal governo sull’Ilva certifica che non verrà usato nemmeno un euro dei fondi sequestrati alla proprietà dell’azienda siderurgica, che per i prossimi due anni l’acciaieria potrà derogare alle prescrizioni ambientali e si è messo il sub commissario alle tematiche ambientali nella condizione di non disturbare il manovratore. Il combinato disposto di tutto ciò è uno schiaffo alla città di Taranto e alle sofferenze dei suoi cittadini”.
Lo dichiarano gli esponenti di Green Italia Roberto Della Seta e Francesco Ferrante.
“Il decreto – aggiungono – prevede che entro il 30 luglio 2015 sia attuato solo l’80% delle misure ambientali in scadenza a quella data, e dunque in quel rimanente 20% si annida la scappatoia che permetterà all’Ilva di continuare a inquinare, derogando alle prescrizioni più importanti e impattanti.”

Green Italia critica in una nota il governo Renzi schierato dalla parte dei grandi inquinatori. “Ieri oltre alle indecenti decisioni sull’Ilva, il Consiglio dei Ministri, in riferimento ai combustibili marittimi usati nelle acque territoriali e nelle zone di protezione ecologica, ha stabilito un limite massimo di tenore di zolfo pari al 3,5%, ben più alto di quello previsto ad esempio nel Mar del Nord e di quello che aveva chiesto la Commissione Ambiente della Camera”.

ilva

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: