Giornata delle vittime dell’amianto: Fare Verde chiede bonifiche, incentivi e controlli.

Si celebra oggi 28 aprile 2015 la Giornata mondiale delle vittime dell’amianto. Un momento importante per ricordare chi ha perso la vita a causa di questa fibra altamente dannosa e riflettere sull’attuale situazione che riguarda gli interventi e le bonifiche.
I dati sono allarmanti: ogni anno in Italia muoiono 4mila persone per malattie ad esso correlate. Secondo i dati del Registro Nazionale Mesotelioma di Inail, dal 1993 al 2008 sono stati diagnosticati oltre 15mila casi di mesotelioma maligno.
“Nonostante sia stato messo al bando 23 anni fa, l’amianto è ancora molto diffuso sul nostro territorio e i suoi effetti dannosi sono amplificati dall’abbandono incontrollato di lastre e manufatti in eternit” dichiara il Presidente Nazionale di FARE VERDE, Avv. Francesco Greco. “Il mesotelioma, il tumore che provoca, non determina in tutte le persone gli stessi effetti, dipendendo dalla reazione dei singoli organismi nei confronti delle fibre, piccolissime, di amianto che si depositano nei polmoni”.
Fare Verde chiede l’attuazione di piani regionali di bonifica da eternit, con la collaborazione dei Comuni, contro le discariche abusive mediante: un accurato controllo del territorio, anche con il coinvolgimento delle associazioni ambientaliste e della protezione civile; la mappatura dei siti maggiormente interessati da abbandono illegale e l’installazione di foto trappole; la reintroduzione degli incentivi per la sostituzione, in tempi certi e definitivi entro cui provvedere, delle coperture in amianto, anche con tetti fotovoltaici; completa bonifica dall’amianto di tutti gli edifici pubblici.

amianto FV

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: