D’Amato (M5S): aeroporto Taranto, Vendola preferisce i droni ai passeggeri

L’aeroporto di Taranto, secondo le norme attuali, non avrebbe i requisiti per diventare una pista per i test range dei droni. Eppure, sarebbe questo il futuro tracciato dal governatore Niky Vendola che è anche presidente del consorzio aerospaziale europeo Nereus. L’annuncio di Vendola di fare dell’aeroporto di Taranto un test range per l’aviazione e per i mezzi di pilotaggio remoto è stato criticato dall’eurodeputata tarantina Rosa D’amato che ritiene che tale progetto andrebbe a vanificare la possibilità per tutto il territorio del Tarantino di sviluppare uno scalo passeggeri per promuovere le economie pulite del territorio come il turismo.
L’eurodeputata tarantina del Movimento Cinque stelle si chiede il perché Vendola insista su tale progetto.
“Ci piacerebbe – continua D’Amato – che i cittadini pugliesi avessero maggiori dettagli su tale piano che rischia di essere un nuovo e oneroso buco nell’acqua per la Puglia”.
Ci piacerebbe anche che si facesse finalmente luce sui 4 milioni e mezzo di fondi europei che sarebbero dovuti servire al potenziamento del traffico passeggeri dell’aeroporto e dei quali non c’è più traccia”. L’europarlamentare evidenzia le criticità che non fanno decollare l’aeroporto di Taranto: la Convenzione quarantennale al concessionario (Aeroporti di Puglia-AdP) ritiene debba essere revocata perché non è rispettata dallo stesso AdP, infatti, “è concessionario unico dei 4 aeroporti che dovrebbero essere posti in reciproca concorrenza e complementarità (gli aeroporti devono essere in concorrenza tra loro, si può derogare solo se ricadono nello stesso ambito cittadino. Non ha senso e fondamento il “sistema aeroportuale” è un’invenzione di AdP) nonché, allo stesso tempo, uno dei controllori delle procedure di assegnazione dei contributi”. Ma il conflitto di interessi non finisce qui: “L’amministratore unico di AdP è anche presidente del Distretto dell’Aerospazio pugliese – dice D’Amato – E’ noto a tutti come AdP abbia favorito gli scali di Bari e Brindisi, bloccando di fatto lo scalo tarantino. Questa duplice veste, ci dà qualche motivo in più per dubitare della bontà del progetto dei droni (che non possono neanche decollare dall’aeroporto per precise norme di legge, tanto è vero che ci sono accordi con l’autodromo di Nardò)”. Rosa D’amato chiede a Vendola più chiarezza e trasparenza”. “In aggiunta, la convenzione è violata in riferimento alla mancata sottoscrizione di un contratto di programma tra ENAC e AdP Spa: per tutti questi motivi, sulla base di quanto indicato in materia di revoca e decadenza delle concessioni, si concretizza l’inadempienza degli obblighi attribuiti alla concessionaria, ma anche nel caso di grave e immotivato ritardo nell’attuazione del programma di intervento e del piano degli investimenti per ogni aeroporto in concessione.”

“Il nostro obiettivo – conclude D’Amato – è salvaguardare e rendere pienamente operativa, per esempio riaprendo ai voli passeggeri come indicato nell’Atlante degli aeroporti italiani, una delle opere infrastrutturali che potrebbero costituire il volano della rinascita della terra jonica, l’aeroporto di Taranto per l’appunto”.

Aeroporto_Taranto_Grottaglie_esterno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: