Continua a ricevere premi “Bibliothèque” il corto che commuove l’Italia

Ancora premi e riconoscimenti per “Bibliotheque”, il cortometraggio “che commuove l’Italia” del regista francavillese Alessandro Zizzo.
Dopo il riconoscimento, premio miglior attrice alla protagonista Giorgia Sinicorni, al VI Festival di Roma “Tulipani di seta nera: un sorriso diverso”, questo fine settimana, “Bibliotheque”, ha ottenuto altri tre premi:
Miglior corto al “Festival del cinema di Tropea”;
Miglior corto alla decima edizione del “Laura Film Festival”, Festival del Cinema di Levanto (Liguria) intitolato alla memoria di Laura Morandini;
Secondo classificato al “Festival Internazionale di cortometraggi Cerano Film Festival”, Cerano d’Intelvi (Como).

Sono già stati comunicati ufficiosamente altri tre riconoscimenti (come miglior corto, migliore attrice e migliore attore) che saranno consegnati nei primi giorni di agosto.

“Bibliothèque” è una produzione curata da Franco Alberto Cucchini, prodotto da Gregorio Mariggiò per Southclan Arts con la collaborazione di Ientu Film e Zorobar Produzioni, il contributo della Provincia di Brindisi-Assessorato alle politiche sociali, la fotografia di Davide Micocci, scenografia di Carmelo Patrono.

Ambientato nella piccola biblioteca di un paese indefinito del nord Italia, il corto coniuga cultura e sociale. Proprio tra i banchi di lettura avviene l’incontro casuale tra i due protagonisti: Yurj, forestiero di passaggio e spaesato tra i libri, e Giorgia, habitué del posto e appassionata di bibliofilia.

La trama si dipana intorno al feeling che nasce in questa strana coppia – condito da progetti al limite del paradosso e conversazioni surreali – che diviene poi quasi amore a prima vista.

In poco più di un quarto d’ora di poesia della vita e dell’amore, racchiusa in ogni libro della misteriosa “bibliotèque”, un condensato di atmosfere ed emozioni – a tratti stridenti – rese possibili dall’abile recitazione degli attori principali, già noti al grande pubblico – Yurj Buzzi è l’erede di George Clooney negli spot “Martini”, mentre Giorgia Sinicorni ha interpretato Sofia ne “I Cesaroni” – ma anche dal sapiente lavoro dei collaboratori di Alessandro Zizzo. Oltre a Gregorio Mariggiò, direttore di produzione, occorre menzionare Davide Micocci che affianca spesso e volentieri Edoardo Winspeare, per il quale ha curato tra l’altro la fotografia del documentario “Filia Solis”, e Carmelo Patrono che è stato candidato addirittura all’Oscar con “Fratello Sole, sorella Luna” di Franco Zeffirelli, oltre ad aver collaborato con Roberto Rossellini.

Locandina Bibliothèque

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: