Attentato a Brindisi: Corte Appello conferma ergastolo per Vantaggiato

Lecce – La Corte d’assise d’appello di Lecce ha condannato all’ergastolo e all’isolamento diurno per 18 mesi Giovanni Vantaggiato, reo confesso dell’attentato di Brindisi del 19 maggio 2012 quando morì la sedicenne Melissa Bassi e altre 9 persone rimasero ferite. La Corte, composta dal presidente Rodolfo Boselli, a latere Antonio Del Coco, ha ritenuto sussistente l’aggravante della finalità terroristica nella strage, già riconosciuta in primo grado dalla Corte di Assise.
Nella sua arringa l’avvocato di Vantaggiato, Franco Orlando, ai giudici aveva chiesto, invece, di riconoscere l’insussistenza dell’aggravante della finalità terroristica dell’attentato spiegando che essa “non può essere utilizzata strumentalmente per dipingere Vantaggiato come un terrorista”.
In aula, al momento della lettura della sentenza, c’erano i genitori di Melissa, Massimo e Rita Bassi. Stamane era intervenuto anche il loro legale di parte civile, l’avvocato Fernando Orsini.

Giovanni Vantaggiato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: