Lizzano. Discarica Vergine abbandonata con rifiuti molto pericolosi: M5S chiede audizione

Discarica “Vergine”, sita nei pressi del Comune di Lizzano (Ta), nasce da una delle numerose cave di estrazione di tufi svuotate ed utilizzate da ormai diversi anni per lo sversamento di rifiuti solidi urbani e speciali.

Già nel 2010 l’ARPA aveva riscontrato la presenza di ripetuti picchi di acido solfidrico (H2S), un veleno ad ampio spettro, in misura notevolmente superiore alla soglia olfattiva, arrecando non pochi problemi alla popolazione circostante. Dal gennaio 2014 la discarica è sottoposta a sequestro preventivo ed il gestore pare averla abbandonata a se stessa, senza manutenzione alcuna.

Sulla vicenda il MoVimento 5 Stelle in Regione chiede audizione dell’Assessore regionale all’Ambiente Santorsola e degli esponenti locali dei comuni e dei comitati.

“I sintomi lamentati dalla popolazione lizzanese,- dichiarano i consiglieri regionali M5S firmatari della richiesta di audizione Galante, Laricchia e Trevisi – sono proprio quelli tipici dovuti alla esposizione all’acido solfidrico presente nell’aria, come il bruciore agli occhi e al naso, mal di testa, nausea, ecc. già denunciati peraltro nei circa 800 esposti inviati alla Procura, nonché nelle numerose richieste di intervento presso la locale guardia medica.”

Nella discarica sono stati conferiti pitture e vernici di scarto, fanghi derivanti dalla depurazione delle acque, fanghi industriali, ceneri pesanti, scorie, Fluff e conce di pellame contenenti cromo.

“Dopo il sequestro, la discarica non ha avuto alcuna manutenzione – continuano i pentastellati – E a causa dell’omessa raccolta periodica del percolato e lasciando disattivate le torce di captazione, le località confinanti vengono investite massicciamente dai miasmi della discarica. La situazione è ormai insostenibile. Per questo riteniamo indispensabile, come anche suggeritoci dal consigliere comunale di Lizzano, Valerio Morelli (M5S), ottenere l’audizione dei soggetti coinvolti: l’Assessore Santorsola; del Presidente della Provincia di Taranto, Tamburrano; dei Sindaci dei comuni di Fragagnano, Monteparano, di Roccaforzata, di Faggiano, di Lizzano; del Presidente dell’associazione “Attiva Lizzano” Angelo del Vecchio, al fine di poter ottenere delle risposte – concludono i consiglieri – sulla modalità di gestione e soluzione di tale condizione in cui attualmente versano i cittadini del Comune di Lizzano.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: