Vitalizi: scontro in Consiglio Regionale tra consigliere Turco e il M5S

Sulla vicenda dei vitalizi è scontro in Consiglio Regionale Pugliese tra i consiglieri del Movimento 5 Stelle e il consigliere regionale Giuseppe Turco di “La Puglia con Emiliano”.
Dopo gli attacchi subiti anche a livello nazionale nel corso del programma “L’arena” di Massimo Giletti il consigliere Turco, in avvio di seduta, ha chiesto la parola per “fatto personale” avviando un lungo discorso teso ad accusare i componenti del gruppo consiliare M5S, in taluni casi facendo nomi e cognomi, dopo le recenti denunce riguardanti i vitalizi degli ex consiglieri regionali pugliesi e la necessità di abolirli. Al termine dell’intervento del consigliere di maggioranza i consiglieri pentastellati hanno richiesto la parola per replicare, richiesta che gli è stata dapprima clamorosamente negata dal vice presidente del consiglio regionale Giuseppe Longo (Popolari) che, successivamente, ha chiesto all’assemblea di esprimersi per concedere o meno il semplice diritto di replica al gruppo M5S. “Inutile dire che la maggioranza PD ha votato per non concederci neanche il semplice diritto di replica. – affermano in una nota i consiglieri del Movimento 5 Stelle – “Un episodio estremamente spiacevole che ha rievocato momenti bui della storia del nostro Paese, quando chi deteneva il potere lo utilizzava per “chiudere la bocca” a chiunque potesse dire qualcosa di scomodo. Un episodio che racconta fin troppo chiaramente l’idea di democrazia dei personaggi che siedono nei banchi della maggioranza di Michele Emiliano.” – rimarcano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi.
“Utilizziamo dunque questo spazio – proseguono – per replicare a Turco che, evidentemente dimenticando il suo ruolo istituzionale, al nostro attacco politico ha preferito rispondere sui social con un becero attacco personale nei confronti della nostra consigliera Laricchia.”
“Nel merito della votazione mirata ad abbassare la tassazione sui vitalizi, Turco, così come gli altri componenti dell’ufficio di presidenza, avrebbe potuto votare contro o si sarebbe potuto astenere, di fronte ad un provvedimento tanto “imbarazzante” oppure si sarebbe potuto aprire un dibattito coinvolgenti l’intero consiglio. O vuole farci credere che sia stato costretto con una pistola alla tempia ad un voto favorevole e che non ci fosse una strada alternativa inclusiva? Ad ogni modo, vogliamo concedere un’altra possibilità alla “buona fede” del consigliere Turco: se come ha ripetutamente ribadito, è contrario ai vitalizi, gli chiediamo di impegnarsi pubblicamente oggi stesso, – sfidano i consiglieri pentastellati – per appoggiare in ufficio di presidenza la calendarizzazione della nostra proposta di legge per l’abolizione dei vitalizi, che oggi costituiscono una delle più grandi vergogne e ingiustizie del nostro Paese.”
La replica del consigliere regionale de “La Puglia con Emiliano” Giuseppe Turco non si è fatta attendere: ed ha accettato la sfida lanciata dal M5S sull’eliminazione dei vitalizi.
“L’ho detto in aula e lo confermo anche dopo. – ribadisce Giuseppe Turco, e spiega – con i colleghi del Movimento Cinque Stelle mi impegno ad eliminare i vitalizi. Il mio intervento a inizio seduta, per mero fatto personale, era solo di carattere politico. Rinnovo le mie scuse, se nei miei interventi ho offeso gli esponenti regionali dei Cinque Stelle, ma non era affatto un attacco personale.”
“Iniziamo da subito a collaborare su queste tematiche. – prosegue – Per questo rinnovo l’invito ai colleghi pentastellati e al loro staff della comunicazione: vengano a trovarmi a Torricella per un pranzo di lavoro. Saranno miei graditi ospiti. -e in tono scherzoso afferma in conclusione – Anche senza vitalizio, stiano tranquilli: pago io!”.

consREGpug

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: