Rifiuti. M5S al sindaco Massafra: “Compostaggio di comunità: opportunità da non perdere”

Promuovere e incentivare il compostaggio di comunità: è quanto chiede all’Amministrazione Comunale il meetup Manduria 5 Stelle, da sempre attivo nel promuovere incontri e iniziative sul territorio sul tema della gestione dei rifiuti e sulla loro ottimizzazione.

“Questo – spiegano i pentastellati – è un sistema ibrido per la trasformazione di un rifiuto organico in compost che consente l’auto-recupero dei rifiuti prodotti sia dalle utenze domestiche, che da mense, ristoranti o strutture ricettive. Trattasi di una soluzione ottimale a metà strada tra l’impianto industriale e la compostiera domestica che non produce emissione inquinanti – solo vapore acqueo e anidride carbonica con un processo completamente naturale e inodore, grazie ad un sistema di filtri”.

“Il Programma Operativo Puglia FERS 2014-2020 approvato con decisione della Commissione Europea C (2015) 5854 nel luglio 2015 prevede la priorità di investimenti 6.a) “Investire nel settore dei rifiuti per rispondere agli obblighi imposti dalla normativa dell’Unione in materia ambientale e per soddisfare esigenze, individuate dagli Stati Membri, di investimenti che vadano oltre tali obblighi”; ed in particolare con l’azione 6.1 della citata priorità di investimento “interventi per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti urbani” si intende favorire la diffusione di pratiche di auto compostaggio collettivo o compostaggio di comunità”.
Pertanto, gli attivisti del gruppo Manduria 5 Stelle chiedono al Sindaco di Manduria dott. Roberto Massafra e all’ Amministrazione Comunale di aderire alla manifestazione di interesse, così come l’URP Puglia comunica dalla Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifica Avviso n.2 indirizzata ai Sindaci pugliesi, che dovrà pervenire alla Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifiche, sita in via Magnolie 6/8 – 70026 ZI Modugno (Ba), entro e non oltre il 28 novembre 2016 per avviare nel più breve tempo possibile progetti ed azioni che vanno a favorire la diffusione di pratiche di compostaggio di comunità con l’ausilio di macchine apposite per la lavorazione e trasformazione del rifiuto organico in compost.
“Auspichiamo- concludono – che l’Amministrazione Comunale possa cogliere l’occasione di questa importante opportunità per il nostro territorio, che servirebbe tra le altre cose, anche ad alleggerire l’impatto degli squilibri ambientali sul nostro territorio”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: