Maruggio. A Campomarino al via il monitoraggio dei nidi di tartaruga.

Si ricomincia dalla natura. Ottanta volontari saranno attivi durante l’estate sulla costa di Campomarino di Maruggio (TA) per individuare tracce di nidi di tartaruga marina “Caretta Caretta”, specie in via di estinzione.
Si tratta, in prevalenza, di studenti dell’Università degli Studi di Bari (anche delle sedi distaccate) impegnati nei Corsi di Laurea in Scienze Biologiche, Biologia Ambientale, Scienze della Natura, Scienze Ambientali. Dopo aver seguito nei mesi scorsi i “training day” previsti dal progetto “Turtles Guardians”, ideato e realizzato dal WWF Taranto e GreenRope, in collaborazione con RaroVet e Legambiente Maruggio, col patrocinio del Comune di Maruggio, i volontari saranno protagonisti di un’inedita e straordinaria esperienza di monitoraggio che durerà per tutta la stagione estiva.

«E’ arrivato il momento di investire nella natura – ha dichiarato il presidente del WWF Taranto, Fabio Millarte, nel corso della conferenza stampa tenuta questa mattina presso lo stabilimento balneare “Posto 9”, alle porte di Campomarino – è questo il modo migliore per risollevare un territorio che per decenni ha dovuto subire un inquinamento selvaggio. La provincia di Taranto ha un estremo bisogno di esempi positivi di rinascita». Sulla possibilità di rintracciare nidi di tartaruga Millarte si è detto fiducioso: «Non sappiamo il numero esatto di femmine adulte presenti nella zona, ma sicuramente ci sono». Non resta, quindi, che auspicare un nuovo miracolo gentilmente offerto dalla natura. Nel momento in cui dovessero essere scoperti dei nidi, la zona sarà subito recintata per la messa in sicurezza e sarà avviata la sorveglianza.

In questi giorni è stato allestito un “Camp”: un vero e proprio campo base per i volontari che – a turno – controlleranno dalle prime ore del mattino dieci chilometri di costa alla ricerca di nidi. Il tratto è compreso tra “Torre Ovo” a “Torre Borraco”. Sarà lo stabilimento balneare “Posto 9” ad accogliere la “Casa dei guardiani delle tartarughe”. L’avvio dell’attività di monitoraggio è la logica conseguenza di quanto accaduto negli ultimi anni. Per ben due volte, infatti, il WWF ha garantito la protezione di nidi di tartaruga “Caretta Caretta” proprio sulla spiaggia di Campomarino. La prima volta nell’estate del 2011 quando 33 uova su 90 si sono schiuse sotto lo sguardo vigile dei volontari. Un evento di rara suggestione che avrebbe potuto ripetersi anche nell’estate del 2014, quando le tartarughe sono tornate per nidificare, ma nessuna delle 110 uova sorvegliate si è schiusa.

L’esperienza dei nidi nella provincia ionica è stata protagonista del 35° Simposio internazionale delle Tartarughe Marine, svoltosi in Turchia nello scorso mese di aprile, dove ha partecipato una delegazione di esperti del WWF Taranto, formata da Marco D’Errico (dottore naturalista) e Simona Soloperto (veterinario – RaroVet). Proprio loro sono i supervisori dell’attività di monitoraggio sulla costa di Campomarino. Non mancheranno iniziative mirate alla sensibilizzazione dei bagnanti e degli operatori degli stabilimenti balneari. Sono previste, inoltre, attività a carattere ludico-sportivo.

tartarughe

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: