Manduria Noscia incontra Commissario dott. Saladino e consegna documento con le priorità

E’ durato oltre un’ora e mezza l’incontro che una delegazione del Movimento Manduria Noscia ha tenuto questa mattina con il Commissario Straordinario Dott. Vittorio Saladino. “Un Uomo di indubbie capacità ed esperienze, predisposto ad ascoltare e dare spiegazioni!” Questo è il giudizio, soddisfatto, dei rappresentanti del Movimento che ha tutta la volontà di lavorare per contribuire a riportare Manduria al ruolo che le compete, di riferimento per tutto il territorio orientale della Provincia Jonica.
“Abbiamo dovuto subire l’umiliazione, tanto per cambiare, di sentirci dire che il nostro Territorio vive in una condizione di arretratezza pari ad almeno 20 anni!
Lo sappiamo bene.. – spiegano in una nota – Ma sentirlo dire da chi negli anni ha amministrato decine e decine di Comuni in tutta Italia è ancora più mortificante!”

Al termine dell’incontro al Commissario è stato consegnato un documento contenente la presentazione del Movimento Manduria Noscia ed alcuni degli argomenti che meritano particolare attenzione:
“Per decenni il Comune di Manduria ha subito un immobilismo dovuto alla gestione della Cosa Pubblica da parte della obsoleta politica che ha portato il Territorio ad assumere una posizione marginale all’interno della provincia jonica e di tutta la Regione.
La nostra Città è sicuramente, nel comprensorio Tarantino e nel Territorio Salentino, quella maggiormente vocata al turismo per la sua natura storico-culturale e paesaggistico-naturale.
La nostra è Terra legata a tradizioni agroalimentari che potrebbero essere elemento di eccellenza e volano dell’economia locale grazie anche ad un dono:“il Primitivo di Manduria!
L’assoluto disinteresse e la palese incompetenza di coloro che ci dovevano negli anni rappresentare, ed hanno invece ridotto il nostro Territorio allo stato attuale delle cose, ha portato noi cittadini a dire basta lo scorso 10 Settembre!
Da lì in poi è stata una continua crescita esponenziale di consensi accomunata alla speranza di poter cambiare le sorti del nostro amato Territorio.”

Dopo aver inquadrato la situazione che ha portato alla nascita di questo movimento, motivazioni rafforzate dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale per ingerenze della criminalità organizzata che la Vecchia amministrazione è riuscita a lasciare in eredità il documento si sofferma su alcune delle principali problematiche la cui soluzione creerebbe la base per l’inizio di un vero e significativo cambiamento.

“1) Riordino delle funzioni del segretario e dei dirigenti come previsto dal testo unico sugli Enti Locali (L. 267/2000).
Se vi sono delle responsabilità che hanno portato allo scioglimento del Comune di Manduria non sono solo addebitabili alla Politica ma anche a coloro che ricoprivano ruoli fondamentali all’interno della Macchina Amministrativa e conoscevano benissimo gli atti che hanno firmato! Motivo per cui solo un totale azzeramento può mettere le basi per una pulizia totale e per poter ricominciare!

2) Definire le funzioni del comandante della Polizia Locale anche in un’ottica di taglio dei costi e di eventuali conflitti di interesse che potrebbero crearsi in capo allo stesso.
Da portavoce del Movimento Manduria Noscia, una delle domande che volevamo porre è la seguente:
Sussiste un’ipotesi di conflitto di interesse, anche potenziale, nel caso in cui al Comandante/Responsabile della Polizia locale, (indipendentemente dalla configurazione organizzativa della medesima) sia affidata la responsabilità di uffici con competenze gestionali in relazione alle quali compie anche attività di vigilanza e controllo? Sarebbe il caso di chiedere un parere all’ANAC?

3) Tutti i dipendenti (avendone anche titolo) della categoria D (ottenendo tra l’altro un’ottimizzazione dei costi) potrebbero essere destinati ad assumere le funzioni di responsabili;

4) Incrementare l’organico attraverso concorsi;

5) Soluzione del “problema” della gara tributi con individuazione di personale dipendente del Comune;

6) “Problema Fiera Pessima”: attivazione del bando già approntato ( e pagato 10 mila euro..) per la predisposizione del capitolato in modo da ridare ai Manduriani, per il prossimo Marzo, una sentita Tradizione di quasi 300 Anni;

7) Soluzione del “problema ambulanti irregolari” presenti nelle aree turistiche e cittadine predisponendo aree idonee e decorose;

8) Apertura giornaliera e manutenzione del Parco Archeologico e dei musei che sono il vero motore trainante di un turismo archeologico mai ben valorizzato;

9) Manutenzione del locale cimitero;

10) Immediata rivisitazione del progetto relativo al depuratore consortile con una collocazione lontana dalle Marine e le Aree Protette;

11) Problematica attinente all’occupazione del suolo pubblico riguardante le attività commerciali presenti nel centro cittadino e nella marina (dehors, tavoli,ecc..) afferenti all’Ufficio Tecnico e alle competenze dell’Ufficio del Commercio;

12) Ricognizione dei debiti fuori bilancio e delle cause pendenti in particolar modo facendo riferimento al reparto di infortunistica stradale della Polizia Locale che dovrebbe intervenire, nell’immediatezza del sinistro, onde evitare eventuali truffe in danno del Comune;

13) Controllo del contratto e relativo capitolato stipulato con la società “La Lucentezza” ed alle attribuzioni alla stessa in ordine al ripristino e manutenzione del manto stradale e Verde Pubblico;

14) Situazione del canile sanitario inaugurato e relativo stato attuale.

I rappresentanti del Movimento Manduria Noscia si sono resi anche totalmente disponibili a collaborare, a titolo gratuito, per iniziative ricreative e sociali.

Ora dopo questo primo passo…il Movimento Manduria Noscia attende e conclude:
“Capiremo solo con le azioni che intraprenderanno come effettivamente ha intenzione di porsi questa gestione Commissariale nei confronti della nostra Amata Manduria!”

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: