Manduria: “…contro le blatte e i ratti ognuno faccia la propria parte”

Sembrano inefficaci gli interventi eseguiti sinora come da calendario contro il proliferare delle blatte, un fenomeno che d’estate diventa davvero fastidioso oltre che un’insidia dal punto di vista igienico – sanitario. Una “guerra” che per essere vinta deve essere sostenuta su più fronti.

È diffusa nell’opinione pubblica che la competenza contro l’eradicazione delle blatte sia del Comune e, quindi, per esso, dell’azienda incaricata a svolgere tale compito. Questo è vero in parte poiché ad essere coinvolti in questa battaglia sono anche l’Acquedotto Pugliese e i singoli condomini. In tale direzione si sta muovendo l’amministrazione Comunale di Manduria. Il Sindaco di Manduria Gregorio Pecoraro ha chiesto ad AQP, in qualità di soggetto gestore della fognatura cittadina, di provvedere con immediata urgenza agli interventi di deblattizzazione sulla rete fognaria di competenza ponendo in essere tutte le misure necessarie ad eliminare il problema igienico-sanitario, con l’obbligo di fornire copia del programma degli interventi, alla Polizia Municipale di Manduria, alla ASL Taranto ed all’Ufficio Ecologia e Ambiente del Comune di Manduria. Si chiede inoltre la collaborazione dell’intera cittadinanza nel tenere pulite le proprie abitazioni, i locali di uso pubblico e degli uffici. Di effettuare accurate sigillature ermetiche nei muri attorno al passaggio delle canalizzazioni di tubi del gas, di non lasciare cibo o residui di cibi in contenitori aperti, di non tenere rifiuti in recipienti aperti e smaltirli nei giorni e secondo le modalità di raccolta del servizio pubblico e non accumulare scorte alimentari sfuse o aperte nelle cantine e nei ripostigli. Dispone inoltre, a carico degli amministratori dei singoli condomini, ai proprietari dei singoli fabbricati e delle aree e/o superfici scoperte, ciascuno per le rispettive competenze, l’obbligo di provvedere periodicamente alla deblattizzazione delle reti fognarie e delle fosse settiche condominiali nonché delle griglie di raccolta delle acque attinenti alle parti comuni di pertinenza dei singoli condomini. Si dispone, infine, che, nel caso di manifesta inerzia nell’osservanza di quanto stabilito dalla presente ordinanza e/o di accertate gravi problematiche igienico-sanitarie, l’esecuzione degli interventi necessari avverrà d’Ufficio e la relativa spesa sarà a carico degli inadempienti secondo procedure e modalità vigenti in materia. L’obbligo per gli amministratori dei singoli condomini, di produrre, su richiesta di questa amministrazione comunale, la certificazione attestante l’avvenuta derattizzazione e deblattizzazione, rilasciata da ditta specializzata, ovvero l’assenza di colonie di ratti e blatte.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: