La TARI a Sava scende ancora, grazie alla lotta all’evasione

Ridotta la tassa sui rifiuti nel Comune di Sava del 7% di media sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche. È questo il dato più importante emerso nell’ultimo consiglio comunale del
29 Marzo scorso. Grande soddisfazione viene espressa dal Sindaco Dario Iaia: “Per il secondo anno consecutivo raggiungiamo l’importante obbiettivo di ridurre la tassa sui rifiuti in favore dei nostri cittadini e delle attività commerciali e delle aziende. Lo abbiamo fatto lo scorso anno con una riduzione del 7% circa e riusciamo a farlo anche quest’anno con un ulteriore sconto del 7%.”

“È stato possibile raggiungere questo importante risultato – spiega Iaia – soprattutto grazie alla lotta all’evasione ed elusione fiscale messa in campo dall’amministrazione comunale ed all’eccellente lavoro svolto dall’ufficio tributi. Sono stati individuati alcune centinaia di evasori ed elusori che dovranno pagare il dovuto per il passato ed anche per il futuro e, di conseguenza, sono aumentate le superfici sottoposte a tassazione.“
Grande soddisfazione viene espressa anche dal vicesindaco ed assessore all’ecologia Mirko Piccolo: ”nonostante le innumerevoli difficoltà relative al servizio di raccolta dei rifiuti ed alla gara espletata, stiamo riuscendo a portare avanti un buon servizio ed addirittura a ridurre le tasse per i savesi. Nelle prossime settimane, continueremo a lavorare, come facciamo da diversi mesi a questa parte, per garantire al paese un nuovo servizio più efficiente e moderno. Non sarà facile, viste le difficoltà amministrative sul tappeto, ma sono convito che – prosegue Mirko Piccolo – con l’ottimo ausilio della responsabile e di tutto l’ufficio ecologia, raggiungeremo anche questo ulteriore obbiettivo.

Il Sindaco Iaia ricorda, inoltre, che anche tutti gli altri tributi rimangono invariati e che a Sava continua a non pagarsi la TASI a differenza di tante altre realtà. “Questo significa – prosegue Iaia – che nel nostro Comune gli inquilini, i proprietari di seconde case ed aree fabbricabili e le attività commerciali continueranno ad essere esentati dal pagamento di questo tributo. In più anche i servizi a domanda individuale rimarranno assolutamente invariati, a partire dal costo della mensa scolastica (tra le più basse della regione), all’uso delle strutture sportive, al nido comunale.

Da segnalare infine anche l’approvazione di un importante regolamento che consente ai contribuenti di accedere alla definizione agevolata della controversie tributarie in corso con il Comune, presentando domanda entro il 31 maggio prossimo, godendo in questo modo di sconti ed agevolazioni. “Con questa misura, – conclude Iaia – i contribuenti potranno chiudere i propri contenziosi con il Comune e quest’ultimo avrà il vantaggio di ulteriori entrate che potranno essere utilizzate per fornire servizi alla cittadinanza.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: