Italia Nostra sollecita e diffida la Regione Puglia a riattivare il servizio Web-gis, utile contro abusivismo e danneggiamenti

Il demanio marittimo della Puglia da un anno senza monitoraggio: la Sezione Sud Salento di Italia Nostra sollecita e diffida la Regione Puglia a riattivare il servizio Web-gis e ad aggiornarlo con una nuova foto aerea.

La nota, inviata ieri 12 giugno al Presidente, all’Assessore al Demanio e alla Dirigente del Servizio demanio costiero e portuale della Regione Puglia a contiene la richiesta a riattivare il “Portale Web-gis del Servizio demanio costiero e portuale della Regione Puglia” che dal 2013 fino a giugno 2019 è stato accessibile e che, da un anno, non è più attivo.

Tale portale – spiega l’associazione – è un sistema informativo geografico molto potente e polifunzionale che conteneva le foto aeree ad alta risoluzione di tutta la fascia costiera pugliese dal 2006 al 2018 – acquistate e pubblicate dalla Regione – per esercitare agevolmente ed efficacemente la gestione integrata della costa e la tutela del bene demaniale marittimo in attuazione della Legge regionale 10 aprile 2015, n. 17 “Disciplina della tutela e dell’uso della costa”.

Queste fotografie aeree sono stati utili alle Forze dell’ordine e agli Enti locali per individuare e reprimere abusi edilizi e danneggiamenti ambientali ed altrettanto utili per la redazione dei Piani Comunali delle Coste. Inoltre la Regione aveva provveduto a pubblicare nel Web-gis il risultato della ricognizione e della caratterizzazione della Linea dividente demaniale, cioè del confine terrestre che separa il demanio marittimo dalle altre proprietà; tale 1 di 2​ ricognizione e caratterizzazione (approvata dalla Delibera di Giunta Regionale n.905 del 29.5.2018) era stata disposta in virtù dell’Art.7, comma 9- septiesdecies, della Legge 6 agosto 2015, n. 125 “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali” ed era finalizzata a determinare la revisione e la regolarizzazione del confine terrestre del demanio marittimo italiano.

La Regione, pertanto, dopo aver coinvolto i 67 comuni costieri pugliesi e dopo aver ricevuto riscontro da 17 comuni, ha provveduto a documentare la situazione reale dell’intera dividente demaniale marittima pugliese classificando ogni singolo tratto in una delle seguenti quattro categorie:

1. Assenza di dividente demaniale;

2. Incertezza della dividente demaniale;

3. Ricostruzione del demanio necessario;

4. Opere di urbanizzazione del Comune quali strade, piazze, passeggiate, ecc.

Inoltre il Web-gis è stato il sistema informativo, espressamente menzionato dalla normativa e dai procedimenti amministrativi relativi al demanio marittimo, per la redazione e l’approvazione dei Piani Comunali delle Coste da parte dei Comuni ed alcune disposizioni normative emanate dalla Regione almeno fino alla deliberazione di Giunta Regionale n. 1197 del 3 luglio 2019 che ha approvato le “Linee guida per la manutenzione stagionale delle spiagge” e che all’Art. 6 cita espressamente il servizio Web-gis.

La Sezione Sud Salento di Italia Nostra, dopo essere venuta a conoscenza dell’interruzione del servizio Web.gis, il 28.11.2019, ha inviato alla Regione Puglia una richiesta di riattivazione del servizio e, non avendo ricevuto risposta, il 22.1.2020 ha inviato un sollecito – spiega ancora Marcello Seclì Presidente Italia Nostra – Sezione Sud Salento – di cui – conclude – ad oggi non vi è stato risconto, né si è provveduto alla riattivazione del servizio ( http://93.63.173.228/cms/pages/webgis.php ) in modo da renderlo accessibile a tutti i cittadini e ai vari soggetti istituzionali e sociali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: