Giovani per Manduria. Quartieri periferici nel degrado: mancano manutenzione, pulizia e sicurezza.

Erba alta, rifiuti di ogni genere sparsi nelle aree verdi, giostrine pericolose perché ormai arrugginite e mal funzionanti, arredo urbano distrutto, a poco a poco, dall’inciviltà di gruppi notturni. Si presentano così i quartieri periferici di Manduria, allo stato di abbandono dei quali l’Amministrazione Comunale pare non fare caso.
Una mancanza di attenzione sottolineata in una nota dal movimento politico-culturale “Giovani per Manduria” che, con tanto di foto, documenta la mancanza di manutenzione, pulizia e sicurezza delle aree pubbliche.

“Ne è un esempio il quartiere Santa Gemma, in cui il Viale Medaglie d’Oro versa da mesi in uno stato di totale degrado e sporcizia” più volte segnalato dagli stessi abitanti del quartiere.
“In occasione della festività religiosa di Santa Gemma Galgani, momento particolarmente sentito da tutto il quartiere, a parte una frettolosa pulizia della piazzetta dedicata alla santa – fatta, peraltro, nel giorno stesso della processione – non c’è stata alcuna attenzione al decoro degli spazi pubblici”.

“Anche dal punto di vista igienico sanitario,- si legge inoltre nella nota di Giovani per Manduria – i problemi non sono pochi. La presenza di insetti e topi è all’ordine del giorno ed aumenta in maniera preoccupante con l’arrivo della bella stagione”.

“Ci auguriamo che l’Amministrazione voglia provvedere ad una disinfestazione delle zone periferiche della città – concludono i responsabili del movimento – e a prendere coscienza dei problemi descritti, che sono comuni a tutti i quartieri.
I cittadini da soli, pur armati di buona volontà, non solo non possono provvedere a tenere pulite le aree pubbliche dove vivono, ma, in quanto contribuenti, hanno il diritto di godere di servizi efficienti e ordinari.
Si abbandoni la politica degli interventi tampone, quindi, e si cominci finalmente a fare programmazione”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: