DUC. L’ UNSIC denuncia l’esclusione delle imprese artigiana

“La firma oggi a Bari del protocollo d’intesa tra Regione e alcune associazioni di categoria del commercio è

lo strappo che esclude dai processi previsti dal Distretto Urbano del Commercio una buona parte delle imprese pugliesi e tarantine in particolare”.

Così il segretario provinciale dell’UNSIC (Unione Nazionale Sindacale Imprenditori e Coltivatori) di Taranto, Cisberto Zaccheo, in riferimento al passaggio sui DUC che che spiana la strada verso i bandi previsti per il settore.

Lo strumento pensato dall’Assessore regionale Loredana Capone viene dunque impugnato dall’UNSIC che pur riconoscendo la prospettiva dei Distretti, evidenza come sia nella fase programmatoria sia un quella successiva che dovrà indicare come spendere le risorse, si sia ragionato in termini di rappresentatività non più esclusive nel mondo del commercio.

I DUC secondo la normativa regionale dovrebbero finanziare la redazione di piani operativi per i Comuni e di vere e proprie opere o iniziative previste dagli stessi piani – dice Zaccheo – nel caso di Taranto esiste già un lavoro di analisi e elaborazione progettuale redatto in questi anni dalla Camera di Commercio e consegnato al Comune capoluogo nell’agosto scorso.

In merito alle risorse “non si spiega l’idea di rifinanziare uno studio già esistente – dice Zaccheo – così come non si trova coerenza nelle somme della grande distribuzione (per Taranto ingenti risorse provenienti dall’ampliamento Ipercoop), pensate come compensazione da riconoscere al tessuto commerciale di quelle città che ne avevano subito conseguenze, e inserite invece nelle risorse per i DUC e quindi spalmate su tutto il territorio regionale, tra comuni realmente intaccati nel commercio urbano, come Taranto, e quelli completamente avulsi dal fenomeno.

Vi è poi un problema di partecipazione che secondo l’UNSIC non può essere eluso. Le strade del commercio tarantino non sono più esclusivo appannaggio di una o due associazioni di categoria che addirittura in altre province pugliesi sono assolutamente scomparse resta pertanto incomprensibile – continua il responsabile dell’UNSIC – l’individuazione dei CAT (Centri Assistenza Tecnica) di Confesercenti e Confcommercio quali luoghi deputati alle attività istruttorie che insieme ai Comuni dovranno riguardare ad esempio il miglioramento dell’arredo urbano, la riqualificazione delle aree mercatali, la valorizzazione delle botteghe, anche quelle artigiane clamorosamente escluse da questo processo, e persino la valorizzazione delle peculiarità turistiche e dell’immagine complessiva delle città.

Registriamo – conclude Zaccheo – l’ennesima distanza tra noi e l’Assessore Capone che nuovamente invitiamo a Taranto per confrontarsi con tutte le voci di questa città, e toccare con mano storia e riconoscibilità di aziende commerciali e artigiane di grande rispetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: