Colto da aneurisma 17 enne è curato con successo al SS. Annunziata di Taranto

Stava trascorrendo, con la vigoria della sua età, la notte del 14 agosto in spiaggia con gli amici ad aspettare l’alba del Ferragosto. Ma per Francesco (nome di fantasia) di 17 anni non è come avrebbe desiderato che fosse. Improvvisamente un lancinante dolore alla nuca, le forze che vengono meno, la corsa in ambulanza verso l’Ospedale “Giannuzzi” di Manduria,
il responso della TAC: Francesco ha una emorragia cerebrale. Il giovane viene rapidamente trasferito al “SS. Annunziata” di Taranto, un centro riconosciuto all’avanguardia per il trattamento della patologia cerebro-vascolare.
Viene eseguita una Angio-TAC: Francesco, a soli 17 anni, ha un aneurisma cerebrale che si è rotto e ha provocato una copiosa emorragia. “Occorre “bloccare” quell’aneurisma! Una nuova emorragia sarebbe sicuramente fatale!” e così i medici hanno messo al primo posto il salvataggio di quella giovane vita anche nella giornata di Ferragosto.
“Alcuni anni fa non ci sarebbe stata alternativa: per “bloccare” un aneurisma cerebrale sanguinante sarebbe stato necessario un intervento neurochirurgico! Da oltre venti anni, invece, – spiega in una nota l’Ufficio Stampa della Asl di Taranto – al “SS. Annunziata” di Taranto, viene effettuato un intervento meno invasivo, ma altrettanto efficace: l’“embolizzazione”. Anziché raggiungerlo dall’esterno, cioè aprendo la scatola cranica e divaricando il cervello, l’aneurisma viene raggiunto dall’interno e neutralizzato per via endovascolare riempendo la sua sacca con minuscoli filamenti di platino (“spirali”). In pratica, da una puntura dell’arteria femorale all’inguine, il Neuroradiologo Interventista (è questo il nome del Medico Specialista che esegue questo tipo di intervento) raggiunge l’aneurisma cerebrale “navigando” nelle arterie con cateteri di calibro progressivamente minore sotto la guida dei raggi X. Riempita la sacca con le spirali, il sangue non può più entrarvi e l’aneurisma non può più risanguinare.
Il delicatissimo intervento endovascolare di “embolizzazione” è stato eseguito con successo dal Dott. Nicola Burdi, Direttore facente funzioni della Struttura Complessa di Neuroradiologia, coadiuvato dal Dott. Delio Monaco, e dai Dottori Umberto Vacalebre e Giordano Nardin della Struttura Complessa di Anestesiologia e Rianimazione. Con i Medici hanno instancabilmente collaborato le équipes infermieristica e tecnica di entrambe le Unità Operative. ​
Al buon esito dell’intervento hanno contribuito anche il neurochirurgo Dott. Massimo Galasso e la sua équipe che, preliminarmente, avevano eseguito una “Derivazione Ventricolare Esterna” posizionando un catetere endoventricolare per ridurre la pressione intracranica.”
Francesco è adesso ricoverato presso la Struttura Complessa di Rianimazione.
Un importante lavoro multidisciplinare nella giornata di Ferragosto gli sta permettendo di combattere la sua battaglia!

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: