CNA e Apulia Film Commission siglano un patto per intrecciare il settore audiovisivo con le maestranze locali

Nuove opportunità per artigiani e imprese associate a CNA potranno scaturire dalla sottoscrizione del Protocollo di Intesa tra CNA e Apulia Film Commission. A siglare l’accordo è stata delegata Anna Barbieri, Portavoce dell’Unione Benessere e Sanità CNA di Lecce e Maurizio Sciarra, presidente di Apulia Film Commission.

CNA PMI Manduria (Confederazione Nazionale Artigianato Piccole e Medie Imprese) “fa i complimenti ad Anna Barbieri, grande risorsa e colonna storica della CNA e nello specifico della Unione Benessere e Sanità alla quale appartiene, per il brillante risultato raggiunto.

La firma di questo protocollo potrà essere una buona opportunità per gli artigiani e le imprese aderenti al Sistema CNA che saranno stimolati a reinventarsi una ragione nuova per fare artigianato e recuperare la passione alle manualità preziose che hanno reso grande il nostro Paese e che purtroppo rischiano di andare perdute” ne è convinta Anna Barbieri, che spiega di aver raggiunto l’accordo grazie all’apporto e le sinergie collaborative di varie persone che hanno fatto squadra per il benessere comune.
“Il Protocollo d’Intesa sottoscritto – si legge nel documento finale – si fonda sul comune convincimento che fra le due realtà possano essere raggiunte intese e politiche comuni a favore delle professioni e delle imprese dell’artigianato e del settore audiovisivo”. L’ Apulia Film Commission, del resto, è nata proprio per incentivare produzioni cinematografiche in Puglia, contribuendo alle stesse e producendo occasioni di lavoro e di promozione del territorio. L’agenzia, da questo punto di vista, è ormai una realtà di rilievo nazionale ed oltre ed è al centro di film e produzioni varie di buona qualità.
L’obiettivo economico del patto è quello di “creare un circuito virtuoso di sviluppo professionale e territoriale grazie all’offerta locale di servizi competitivi, maestranze, ottimizzazione dei costi, ritorno di immagine “ Da qui l’esigenza comune di “rafforzare i legami con i territori, veicolare le esperienze reciproche, divulgare le azioni che valorizzano l’importanza sociale ed economica del settore audiovisivo, studiare l’andamento del mercato”.
Il protocollo ha validità tre anni.

La CNA PMI Manduria, memore di belle collaborazioni avviate già in passato con Anna Barbieri, grande risorsa della CNA, ha deciso di attivare un coworking collaborativo e virtuoso, per rendere tangibile e concrete le opportunità che potrebbero scaturire dal Protocollo de quo, per gli ARTIGIANI e le IMPRESE associate a CNA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: