BiodiverSo, la biodiversità come occasione di rilancio economico e culturale

Presentato a Bari, nella sede dell’assessorato regionale all’Agricoltura il progetto BiodiverSO

(Biodiversità delle Specie Orticole della Puglia), uno dei cinque progetti integrati per la biodiversità finanziati dalla RegionePuglia.
“Il progetto è un lavoro importante di studio e divulgazione – ha detto l’assessore alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia – che ci consente di incrementare le conoscenze disponibili in tema di biodiversità in agricoltura, come anche di valorizzare le nostre risorse genetiche autoctone d’interesse agrario, imprescindibili per l’uomo, il clima, il paesaggio e il mondo rurale.
La biodiversità e la conservazione delle specie – ha aggiunto – sono temi cruciali delle politiche di sviluppo rurale europee, nazionali e, di conseguenza, regionali: il PSR 2014-2020 dedica, di fatto, diverse Misure, con relative dotazioni finanziare, per il mantenimento, il ripristino, la valorizzazione e miglioramento della biodiversità. Questo ci stimola e consente di investire di più e meglio se vogliamo tutelare e difendere una ricchezza inestimabile, specie per la nostra Regione e per le generazioni future. A BiodiverSO va il merito di aver curato un lavoro scientifico di informazione e diffusione dedicato alla biodiversità, soprattutto con un approccio di rete, ovvero mettendo insieme più soggetti, con competenze e profili differenti sull’agrobiodiversità”.
Il numero delle varietà orticole pugliesi studiate e letteralmente salvate grazie alla conservazione in campo ed in laboratorio sono già più di 150.

“Sono più di 100mila gli ettari destinati alla produzione di ortaggi in Puglia, il 20% del totale nazionale ed è pari a 3 milioni di tonnellate la massa di prodotto certificata. Numeri che non vanno sottovalutati e che devono costituire un volàno anche per l’economia. – afferma Michelangelo De Palma, amministratore di Agriplan srl, la società di consulenza che ha promosso l’iniziativa.
“È per questo che la programmazione deve essere coordinata e deve favorire, come di fatto è accaduto, la nascita di una Rete Regionale della Biodiversità delle Specie Ortive Pugliesi. Attualmente la Rete grazie alle attività sinora condotte – prosegue il dottor De Palma – vede la partecipazione di 130 soggetti tra aziende agricole (36,6%) ed altri soggetti a vario titolo interessati ai temi della biodiversità. Nel secondo anno di attività di Biodiverso la Rete Regionale della Biodiversità delle specie ortive pugliesi si rinnova con un nuovo format di adesione on-line, un nuovo modello di raccolta e aggregazione pronto per continuare a condividere i principi di tutela e valorizzazione della biodiversità pugliese. In tale contesto ed in linea con il nuovo PSR, Agriplan srl, grazie al Progetto, vuole porre le basi per l’avvio di un processo di valorizzazione dei prodotti, delle specie, delle varietà tutelate BiodiverSO, avviando anche una serie di attività progettuali fortemente integrate e complementari che tendono ad avvicinare maggiormente le aziende al mercato”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: