ALLERTA METEO CODICE ROSSO. Scuole chiuse: ecco dove

Una perturbazione che investirà le estreme regioni meridionali a partire dalle 00.00 del 22 Ottobre e per 24 ore sarà responsabile di condizioni di spiccata instabilità sulla Puglia, e in particolare sulla parte centro-meridionale, dove sono previste precipitazioni da sparse a diffuse, anche carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati da moderati ad elevati, puntualmente molto elevati. Sul resto della regione previste precipitazioni da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Previsti su tutta la regione venti da forti a burrasca, con rinforzi di burrasca forte, dai quadranti settentrionali, e locali mareggiate sulle coste esposte.

Sulla base di tale previsione il Centro Funzionale Decentrato ha emesso un Avviso di criticità regionale valutando per la giornata del 22 ottobre:

ALLERTA ROSSA PER RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO su Salento e Bacini del Lato e del Lenne;
ALLERTA ARANCIONE PER RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO su Puglia Centrale Adriatica.
Valutata, inoltre, ALLERTA GIALLA PER RISCHIO IDRAULICO DIFFUSO su Basso Ofanto e Tavoliere e PER RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO su Puglia Centrale Bradanica, Basso Fortore, Gargano e Tremiti, Subappennino Dauno.

Molti sindaci della provincia Jonica e del Salento stanno decidendo in queste ore la chiusura delle scuole in ragione dell’ avviso del Servizio di Protezione Civile della Regione Puglia diramato questo pomeriggio con il quale viene segnalata una condizione di rischio idrogeologico ed idraulico con codice di allerta rosso localizzato sul nostro territorio. Il Sindaco di Taranto, dott. Ippazio Stefàno, a tutela della incolumità pubblica, con particolare riguardo alla popolazione studentesca, con propria ordinanza n. 53, ha disposto la chiusura delle scuole cittadine di ogni ordine e grado per tutta la giornata del 22 ottobre 2015 e dei centri diurni frequentati dai bambini. Nel comunicare questo provvedimento il Sindaco raccomanda ancora una volta ai concittadini l’adozione di misure precauzionali e le attenzioni a tutela della loro incolumità e per prevenire situazioni di particolare criticità. “In caso di precipitazioni metereologiche abbondanti non lasciare le proprie abitazioni; in tali circostanze è altresì vivamente sconsigliato l’utilizzo delle autovetture; di non transitare da sottovie e sottopassi cittadini, anch’essi a rischio di allagamento e per i quali all’occorrenza potrebbe essere disposta la chiusura. Non sostare in piani bassi e o in seminterrati ma raggiungere i piani superiori per maggiore tutela. Non cercare di raggiungere ad ogni costo la destinazione stabilita. In caso di emergenza è molto importante lasciare le strade il più possibile sgombre, per non intralciare le operazioni di soccorso. Evitare l’utilizzo di ascensori e montacarichi per possibili interruzioni di energia elettrica. In caso di forti raffiche di vento, come da previsione, evitare il transito e la sosta sia veicolare sia pedonale in viali alberati per possibile caduta di alberi o rami; E’ altresì opportuno rimuovere dai balconi tutti gli oggetti, che non perfettamente ancorati, potrebbero precipitare arrecando danni a cose o persone. Gli altri comuni della provincia jonica che hanno disposto la chiusura delle scuole sono:
San Marzano di San Giuseppe; Sava; Manduria, Grottaglie; Avetrana.

Aggiornamenti nelle prossime ore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: