Ilva: Il procuratore Sebastio in audizione alla commissione industria del Senato.

E’  proprio sulla ristrutturazione dei reparti inquinanti che si è soffermato nel pomeriggio il procuratore capo di Taranto Franco Sebastio nel corso della sua audizione dinanzi alla commissione industria del Senato. Il magistrato, riferendosi al sequestro record scattato nell’ambito dell’inchiesta per disastro ambientale, ha detto che “la cifra di otto miliardi e cento milioni di euro sequestrati all’Ilva come equivalente per il risanamento  è una cifra al di sotto della realtà e che a malapena riuscirà a risanare. Solo per costruire le coperture dei parchi minerali – ha spiegato – occorrono svariati miliardi di euro. E questo solo per proteggere le prime abitazioni che sorgono a cento metri”.

Il procuratore ha anche smentito che sia stata la città ad andare addosso alla fabbrica, durante il suo sviluppo, come aveva sostenuto anche l’ex premier Romano Prodi. “Smettiamolo di dire che la città è cresciuta intorno all’Ilva. Il cimitero, ad esempio, – ha specificato – è lì da duecento anni”. Il magistrato ha anche parlato del recente decreto salva Ilva bis sostenendo che “tre anni per i lavori di risanamento sono un periodo troppo lungo” e  ha aggiunto che “in maniera indiretta il decreto rafforza la nostra iniziativa”. Infine ha confermato l’intenzione della procura di “definire l’indagine per disastro ambientale entro l’estate”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: