Manduria. Agostino Capogrosso su Piano Rifiuti: “Bene chiusura Manduriambiente, ma quadro ancora poco confortante”

Con riferimento al Piano Regionale sui Rifiuti ed alla proposta di emendamento presentata dal Comune di Manduria, prendiamo atto e ringraziamo il consigliere Galante per l’interessamento alla problematica della nostra Città, sottoposta ad AGER, al Direttore del Dipartimento Ambiente della Regione e all’Ass. Maraschio.

Lo scrive in una replica alla nota del Consigliere Regionale Marco Galante sulla situazione discariche a Manduria il Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Manduria, Ing. Agostino Capogrosso che fa parte del Gruppo Ecologista Autonomo,  lamentando il fatto che l’emendamento presentato dalla commissione  comunale non ha avuto il necessario risalto all’interno del Consiglio Regionale che ha approvato Il Piano Regionale sulla Gestione dei Rifiuti.

Sarebbe stato tuttavia auspicabile, – afferma il Presidente Capogrosso – un intervento pubblico in occasione della seduta del Consiglio Regionale tenutasi lo scorso 14 dicembre, attraverso la lettura della proposta di emendamento sopra richiamata, risultante dai lavori effettuati in Commissione Ambiente del Comune di Manduria. Ciò avrebbe senz’altro dato alla Città maggiori rassicurazioni non solo “verbali”, ma tangibili, poiché fornite in un consesso istituzionale quale appunto il Consiglio Regionale.
Ad ogni modo adesso, occorrerà certamente una presa di posizione importante per scongiurare che il residuo (scarti da avviare a smaltimento in discarica) derivante dall’impianto TMB (che resta operativo fino al 2037 con inserimento anche di una linea REMAT a monte dello stesso) non venga allocato c/o la discarica “Li Cicci” come “colmamento di volumetrie residue”, come invece previsto nel Piano Regionale dei Rifiuti, anche alla luce della chiusura della discarica Manduriambiente attesa per il 2022.
Purtroppo infatti, la discarica “Li Cicci”, viene individuata dal Piano tra quelle per le quali è necessario provvedere alla chiusura definitiva “privilegiando”, ove sia necessario procedere al “colmamento di volumetrie residue”, l’utilizzo della frazione organica stabilizzata (FO.S), in uscita dagli impianti TMB, con un IRD (indice respirometrico dinamico) uguale o inferiore a 400 mgO2*kgSV-1*h-1!
Tutto ciò, quindi, nonostante la discarica “Li Cicci” sia già oggetto di lavori di bonifica ambientale! 
E dunque, a parte l’impianto di trattamento FORSU richiesto da Manduriambiente e non più previsto nel Piano Regionale, a noi il quadro non risulta al momento ancora confortante!
Pertanto, come anzidetto, piuttosto che lanciare proclami comunicando di aver fornito “contributi determinanti”, sarebbe stato più opportuno un intervento pubblico sul tema, direttamente in Consiglio Regionale, approfittando della pec del Comune di Manduria e dell’argomento oggetto di discussione (il Piano Regionale dei Rifiuti). A questo punto ci auguriamo che effettivamente non venga concesso alcun ampliamento e che la discarica venga dismessa una volta esaurita la capacità
volumetrica autorizzata, prevista appunto per il 2022. Ci auspichiamo inoltre, che si dia realmente seguito all’impegno assunto di organizzare incontri sul territorio con AGER per “un confronto diretto” in Commissione Ambiente, con il Comune di Manduria e con i cittadini stessi.
Saranno infatti i manduriani e la politica locale tutta, – conclude Capogrosso – a vigilare sugli sviluppi di questa ennesima triste vicenda, poiché non si intende consentire nessun’altra operazione che possa ulteriormente aggravare le già precarie condizioni ambientali e sanitarie di una comunità che conta una altissima percentuale di malati oncologici.”

Foto©Erretiemme Srl

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: