Lizzano: una grande catena umana per proteggere il nostro mare

Una grande catena umana come segno simbolico di protezione del nostro mare, contro le istanze per le trivellazioni nel Golfo di Taranto e nel Mar Ionio alla ricerca di idrocarburi che alcune multinazionali del petrolio hanno avanzato al Ministero dell’Ambiente e a quello dello Sviluppo Economico. L’iniziativa, che si è tenuta nella marina di Lizzano, sulla spiaggia in prossimità del Canale Li Cupi (detto anche Ostone) è stata organizzata dai meet up del Movimento 5 Stelle dell’arco jonico della provincia di Taranto ed ha visto la partecipazione di numerosi cittadini.
Il messaggio è chiaro. “Il nostro mare e la nostra terra hanno “già dato” in nome di un modello di sviluppo legato unicamente al profitto di pochi che fino ad ora ha prodotto “solo” la devastazione dei territori e il dilagare della disoccupazione tra la popolazione. – dichiarano i parlamentari del Movimento 5 Stelle Maurizio Buccarella, Diego De Lorenzis, Giuseppe L’Abbate, Barbara Lezzi, Daniela Donno, Lello Ciampolillo, Giuseppe D’Ambrosio, Giuseppe Brescia, Emanuele Scagliusi e Francesco Cariello – Il Governo non può e non deve concedere autorizzazioni alle richieste di ricerca e quindi di estrazione di idrocarburi da parte delle Multinazionali, mettendo a repentaglio lo splendore del nostro mare, la vita della fauna e della flora marine e le attività economiche ad esso annesse come la pesca e il turismo. Le popolazioni joniche nel loro mare ripongono le proprie speranze di rinascita: “il mare è la risorsa più preziosa di questo territorio e in esso è racchiusa la nostra storia e rappresenta la nostra speranza di sviluppo per il futuro.”
Una battaglia in favore del territorio tarantino che il M5S conduce fuori e dentro il Parlamento: i deputati portavoce Mirella Liuzzi e Diego De Lorenzis del MoVimento 5 Stelle e il Meet Up “Amici di Beppe Grillo Taranto”, supportati dalle competenze tecnico-scientifiche della Dott.ssa Rossella Baldacconi e dall’Ing. Bartolomeo Lucarelli, hanno già presentato diverse osservazioni al Ministero dell’Ambiente in opposizione di alcune richieste di ricerca di idrocarburi.
m5S no triv

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: