Falda inquinata: Verdi e Azzurro Jonio

Due esposti sono stati indirizzati alla Procura della Repubblica di Taranto perché si faccia chiarezza sulle responsabilità della società Manduriambiente Spa circa i livelli di inquinamento delle acque di falda.

“A seguito dell’ordinanza emanata per motivi igienico sanitari dal Sindaco Dott. Gregorio Pecoraro, con la quale vieta l’utilizzo delle acque di falda, di pozzi ricadenti nel perimetro di 1500 metri dalla “Discarica RSU”, in località La Chianca,  i Verdi di Manduria e l’associazione Azzurro Jonio, con due diversi esposti indirizzati alla Procura della Repubblica di Taranto, hanno chiesto che si faccia chiarezza sulle eventuali responsabilità della società Manduriambiente Spa che gestisce la discarica”.

Ne danno notizia l’avv. Anna Mariggiò, Commissario Verdi Manduria, e l’avv. Francesco Di Lauro di Azzurro Jonio

“Ricordiamo che l’ordinanza sindacale si è resa necessaria a seguito della comunicazione da parte di Arpa Puglia degli esiti delle attività di controllo 2019 e 2020, dai quali è emerso il superamento delle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) stabilite dal T.U.A. per le acque sotterranee di Manganese, Ferro, Nitriti, Cianuri liberi e Azoto Ammoniacale”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: