Cosimo Giuliano “Nonno della Comunità di Avetrana” racconta gli anni della guerra. Video

“Ero il più piccolo soldato di Cavalleria e tutti gli incarichi venivano affidati sempre al più piccolo”.

Inizia così il racconto di Cosimo Giuliano, classe 1920, di Avetrana. Allievo della scuola di Cavalleria presso l’accademia militare di Modena fu combattente durante la seconda guerra mondiale. In occasione del suo centoduesimo compleanno, l’altro giorno ad Avetrana, ha avuto luogo una cerimonia privata presso l’abitazione dove risiede il Giuliano alla quale hanno preso parte il Sindaco prof. Antonio Iazzi e diversi soci della locale sezione della Associazione Combattenti e Reduci.

Tra di essi il presidente della sezione, Luigi Franzoso, i soci Carmelo Totaro, Maria Iarba e i promotori dell’evento nonché parte attiva Giancarlo Parisi e Alessandro Scarciglia.

Al reduce sono stati consegnati due attestati di merito uno da parte della locale Sezione e uno da parte della Federazione Provinciale a nome del Cav. Antonio Cerbino il quale non ha potuto presenziare per diversi impegni.

Presente,   inoltre,  presso l’abitazione del Giuliano il segretario Provinciale della Associazione Nazionale Bersaglieri  di Taranto Andrea Chioppa . L’incontro, di fatto, ha sugellato un’intensa collaborazione nata proprio tra le due Associazioni d’Arma con lo scopo di raccogliere le testimonianze dei reduci avetranesi ancora in vita e ricostruirne la memoria storica. Tale progetto, pienamente sostenuto dalla Amministrazione comunale, vede la realizzazione di una serie di docu-filmati frutto di diverse interviste a cura di Andrea Chioppa e Giancarlo Parisi pianificate con lo scopo di riassemblare i ricordi riportandoli su linea temporale grazie al supporto di materiale documentale e fotografico custodito dalle famiglie. I filmati saranno proiettati durante un apposito evento ancora in fase di elaborazione e che sarà realizzato nei prossimi mesi. A partire dall’inizio dell’anno scolastico, ad essere coinvolti nel progetto, saranno anche gli alunni delle scuole primarie e secondarie di Avetrana, veri destinatari dell’iniziativa il cui scopo primordiale è racchiuso nell’intenzione di tramandare  alle giovani generazioni la storia dei nostri concittadini. A Cosimo Giuliano “Nonno della Comunità di Avetrana” come lo ha definito con emozione ed affetto il Sindaco, l’intera cittadinanza rivolge i migliori auguri ringraziandolo “per averci reso partecipi” –  conclude il prof. Iazzi –  “nel giorno del suo compleanno, di alcuni ricordi della sua vita, con particolare attenzione al vissuto nei luoghi della seconda guerra mondiale” (Andrea Chioppa- Giancarlo Parisi)