Contrasto alle eccedenze alimentari. Approvati tre progetti di Manduria, Trani ed Altamura.

Approvati tre nuovi progetti proposti da Comuni pugliesi (massimo uno per Ambito Territoriale) per realizzar

e, in collaborazione con soggetti del mondo no-profit operanti sul territorio, attività di recupero e riutilizzo delle eccedenze alimentari e farmaceutiche, con conseguente sostegno a favore delle fasce più deboli della popolazione, nonché riduzione degli sprechi.
Con un provvedimento del 22 maggio scorso, infatti, a firma del Dirigente della Sezione “Inclusione sociale attiva e innovazione delle reti sociali”, Anna Maria Candela, sono stati ammessi
al finanziamento di 50.000 euro i progetti presentati dall’Ambito di Manduria, denominato “Incontro ai bisogni”, quello presentato dall’Ambito di Altamura, denominato “Goods4Gift” e quello del Comune di Trani, per gli ambiti di Trani-Bisceglie, Andria e Barletta, denominato “Una tavola più grande”.

Si tratta di progetti presentati dai tre Enti locali in risposta ad un Avviso Pubblico, adottato nell’ottobre del 2018, con il quale si è data attuazione alla legge regionale n. 17/2017, normativa destinata a contrastare, con una serie di azioni ed iniziative, lo spreco in ambito alimentare e farmaceutico. Per tali iniziative sonostati stanziati complessivamente dalla Regione 1milione e 350mila euro (500 mila euro alle città capoluogo e 850 mila agli ambiti territoriali pugliesi).

Nei mesi scorsi erano già stati ammessi a finanziamento i progetti presentati dagli Ambiti Territoriali di Cerignola, Martano, Galatina, Molfetta, Francavilla Fontana, Bitonto, Maglie, Nardò, Troia, Modugno, Gagliano del Capo e quello del Comune di Capurso per l’Ambito di Triggiano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: