Tragedia a Taranto: 1 morto e 5 feriti per esplosione gas

E’ di un morto e 5 persone ferite il bilancio di una tragedia che si è consumata questa mattina intorno alle 8.00 a Taranto. All’interno di una palazzina di via Pupino 86, in pieno centro cittadino, si è verificata un’esplosione dovuta ad una fuga di gas. Allertati da alcuni cittadini che hanno prima sentito l’esplosione e poi visto del fumo che fuori usciva dagli appartamenti sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco. Lo stabile, abitato prevalentemente da stranieri, è composto da quattro piani fuori terra. L’esplosione secondo quanto hanno verificato i vigili del Fuoco aveva gravemente danneggiando il piano terra ed il primo piano con il crollo del solaio e rendendo impraticabili le scale dell’edificio. Inizialmente l’intervento è stato indirizzato esclusivamente all’azione di soccorso e al salvataggio delle persone rimaste sepolte sotto le macerie. Successivamente si è proceduto alla messa in sicurezza degli altri inquilini dei piani superiori dell’edificio che sono stati prelevati con un’autoscala, non essendo agibile la scala di accesso.
I feriti sono stati affidati al personale del Soccorso Sanitario. Dopo la prima fase di soccorso risultava era dispersa una persona, ritrovata morta dopo circa quattro ore dall’esplosione, dopo aver effettuato una messa in sicurezza dell’edificio e scavato con le mani nelle macerie.
Oltre alla vittima e ai 5 feriti si registrano anche danni materiali all’edificio interessato dall’esplosione.
Sul posto sono intervenute 5 squadre, di cui una del Comando VF di Bari, con un totale di 12 mezzi e oltre 30 uomini.
Le operazioni di soccorso sono state coordinate dal Vice Comandante Provinciale Ing. Vittorio Piepoli presente sul posto.
La vittima è un uomo di 59 anni, Ratnasirs Yogamage, sepolto da una montagna di calcinacci. Suo cognato, anch’egli 59enne, ha riportato gravi ustioni e traumi su tutto il corpo ed è ricoverato in prognosi riservata al Centro Grandi Ustionati “Perrino” di Brindisi.
Altri cinque feriti, meno gravi, sono tenuti sotto osservazione all’ospedale di Taranto. Sul luogo del crollo si è recato anche il procuratore di Taranto Franco Sebastio. Sulla tragedia ha avviato un’inchiesta la Procura di Taranto

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: