Scenario apocalittico: oltre mille gli ulivi sradicati. Le foto

Sale ad oltre 1000 il bilancio degli ulivi secolari sradicati a Taranto dalla violenta tromba d’aria che, questa mattina, partita dal mare, ha scaricato tutta la sua forza devastante sulla fascia orientale della provincia ionica. “Se su Castellaneta marina e Ginosa – dice Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia – i danni alle strutture sono ingenti con capannoni scoperchiati e tendoni abbattuti, tra Sava e Fragagnano il bilancio degli ulivi secolari sradicati è salito ad oltre 1000”. Uno scenario apocalittico quello in cui si sono imbattuti gli imprenditori olivicoli alle prime luci dell’alba. Alberi secolari che non hanno mai incontrato una furia così devastante. “Abbiamo già inviato un telegramma all’Assessorato regionale alle Risorse Agroalimentare – aggiunge Alfonso Cavallo, Presidente di Coldiretti Taranto – con il quale abbiamo chiesto sopralluoghi urgenti in campo. Abbiamo iniziato la conta dei danni che certamente interesseranno anche vigneti e ortaggi”.

Oltre alla tromba d’aria, si è abbattuto nell’area tra Ginosa e Castellaneta un nubifragio associato ad una violenta grandinata che ha strappato reti e tendoni, abbattuto vigneti e scoperchiato i capannoni, con particolare violenza nelle contrade Tartaretta, Scapati, Carabella, Picaro Grande.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: