Manduria. Troppi incidenti: appello alla prudenza, ma anche a migliorare la viabilità. Video

https://www.facebook.com/francesco.damicis.96/videos/571682934421619/

Troppi incidenti nelle marine di Manduria frutto probabilmente di disattenzioni, imprevedibilità, a volte anche eccesso di velocità ma le strade e la segnaletica non aiutano l’automobilista.

In estate soprattutto si riversano lungo la litoranea migliaia di persone provenienti dai paesi vicini, pendolari o turisti che si spostano quotidianamente per recarsi al mare. Le strade che durante i mesi invernali sono scarsamente frequentate, da interpoderali improvvisamente diventano indispensabili vie di collegamento dove si verificano incidenti stradali alcuni anche mortali.
Due quelli delle ultime ore segnalate alla nostra redazione: il primo, in ordine di tempo si è verificato ieri mattina all’incrocio tra la Tarantina e Borraco, da sempre pericoloso perché scarsamente visibile. Il secondo, poco dopo la mezzanotte, all’incrocio della strada che collega Avetrana e Manduria al centro commerciale Chidro, dove non ci sarebbe illuminazione.
Numerose le strade dissestate che occorre transitare molto lentamente e c’è poi un’altra segnalazione che riguarda l’invasione di cespugli lungo alcune strade che nei giorni scorsi sono state interessate da incidenti mortali. Si è costretti, pur di evitare di sbattere sui cespugli a spostarsi pericolosamente al centro e a volte sulla carreggiata opposta. La richiesta è duplice: una rivolta agli automobilisti di transitare con prudenza ed evitare eccessi di velocità, l’altra agli amministratori affinché ci sia una maggiore attenzione per rendere la viabilità più accessibile e sicura.

Non è la prima volta che lancia i suoi appelli sul suo profilo FB. Il Sig. Francesco Damicis si è messo in macchina, ha percorso il tratto ostacolato dai cespugli girando un video nella speranza che, questa volta, con la sua denuncia, si possano prendere provvedimenti finalizzati a migliorare la percorribilità di quella strada e che non ci siano ulteriori vittime.