Lemma: “Ilva, Blindare i crediti dell’indotto”

Centinaia di operai dell’indotto Ilva hanno manifestato questa mattina davanti ai cancelli dello stabilimento per poi dirigersi in corteo verso la Prefettura di Taranto per un sit-in di protesta. Sono i lavoratori i primi a subire le conseguenze della crisi che ha colpito le imprese

a causa dei ritardi dei pagamenti da parte dell’Ilva. Crediti che le aziende temono possano essere azzerati con l’amministrazione straordinaria.
Vicinanza agli operai è stata espressa dal Consigliere Regionale del PD Anna Rita Lemma confermando l’impegno politico già assunto pubblicamente la scorsa settimana.
“Il settimo decreto va modificato – ha detto – e le proposte, girate all’attenzione dei parlamentari che saranno protagonisti del dibattito, sono cinque, una delle quali riguarda proprio la vicenda delle aziende locali che gravitano nella galassia del siderurgico”.
“I lavoratori chiedono rispetto e tutele. – ha continuato – Chiedono che il Governo modifichi l’ultimo decreto in favore di chi ha lavorato e ha il diritto ad essere pagato. Chiedono che la prossima gestione pubblica delle acciaierie non archivi il passato dimenticando le pendenze che l’attuale Ilva ha nei confronti delle ditte tarantine”.
“Il Decreto Ilva – ha aggiunto Anna Rita Lemma – va emendato anche nella parte in cui richiama legge Marzano. I crediti delle aziende dell’appalto e dell’indotto vanno blindati. I lavoratori vanno tutelati per il futuro. Il Governo, su questo come sull’Aia e sulla certezza dei tempi e delle risorse, dica una parola chiara”.
Cinque dunque le proposte di emendamento che il Consigliere Regionale Lemma auspica vengano adeguatamente valutate nel prossimo dibattito parlamentare:
1 – Certezza sui tempi di attuazione dell’Aia, con declinazione particolareggiata delle quote che il decreto prevede (80% e restante 20%).
2 – Certezza sulle risorse disponibili e tutela assoluta delle aziende che hanno già fornito ad Ilva beni e servizi come da contratto. Liquidazione dei crediti a TUTTE le ditte prima della costituzione della new-co. Tutela dei lavoratori per il futuro.
3 – Definizione delle risorse a garanzia degli interventi a vantaggio del patrimonio storico, strutturale e museale di Taranto.
4 – Interventi finanziari rivolti al potenziamento dell’offerta universitaria locale, inserendo a pieno titolo, inoltre, la statalizzazione del liceo musicale “Paisiello”.
5 – Deroghe alla Legge di Stabilità 2014 che prevedano risorse al potenziamento dei Piani di Offerta Formativa delle scuole del quartiere Tamburi e della Città Vecchia di Taranto.

annaritalemma

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: