In ospedale solo con il Super Green Pass

L’ associazione COLIBRÌ’ Puglia – Comitato Libertà e Rispetto – sta ricevendo in queste ore delle segnalazioni di utenti di servizi ospedalieri del territorio della ASL Bari che testimoniano alcune gravi ed ingiustificate preclusioni all’accesso alle strutture sanitarie del territorio, comunicate anche in forma pubblica dai relativi responsabili delle strutture.

In particolare, è stato documentato che all’ingresso del Presidio Ospedaliero “S. Giacomo” di Monopoli, all’ingresso del servizio CUP nonché all’ingresso dei vari reparti del nosocomio della cittadina barese campeggia un cartello con un avviso rivolto a tutti i pazienti a cui viene chiesto di “ESIBIRE IL SUPER GREEN PASS”.

Tale prescrizione non appare conforme alla normativa vigente che regola gli obblighi di esibizione delle certificazioni verdi COVID-19, di cui al decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87: tale normativa non ci risulta abbia mai previsto che l’accesso dei pazienti alle strutture sanitarie (pubbliche e private) debba essere subordinato alla previa esibizione di una delle certificazioni verdi di cui all’articolo 9, comma 2 del menzionato decreto-legge.

Perfino le recenti modifiche normative apportate con decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1 (in G.U. n. 4 del 7-1-2022) si limitano a prevedere, la modifica dell’art. 9-bis, d.l. n. 52/2021, che l’accesso ai «servizi alla persona» sia limitato «ai soggetti in possesso di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui all’articolo 9, comma 2» e dunque non prevedono alcun obbligo di esibire necessariamente la prova dell’avvenuta vaccinazione anti Covid-19.

Viceversa, i cartelli affissi agli ingressi dell’ospedale “S. Giacomo” di Monopoli, nel momento in cui impongono l’esibizione a tutti gli utenti dei servizi ospedalieri del cd. «super green pass», determinano una inammissibile ed illegittima preclusione dell’accesso ai servizi in danno di tutti i pazienti che non hanno aderito alla campagna vaccinale anti Covid-19 o che non abbiano effettuato la terza dose del siero, ledendo in misura inaccettabile il diritto alla salute generalmente garantito dall’art. 32 della nostra Costituzione.

A tutto ciò si aggiunge il fatto che le nuove norme recentemente introdotte dal d.l. n. 1/2022 entreranno in vigore soltanto nel periodo compreso tra il 20 gennaio ed il 1 febbraio p.v., nel mentre risulta che già da diversi giorni ad alcuni utenti privi del cd. «super green pass» è stato impedito l’ingresso in alcune strutture della ASL Bari (come documenta la situazione dell’ospedale di Monopoli).

Tanto premesso, l’associazione COLIBRI’ Puglia, da anni impegnata per la tutela dei diritti dei malati e per la libera scelta vaccinale dei cittadini, si rivolge alla Direzione generale della ASL Bari affinché chiarisca se negli ospedali e nelle strutture sanitarie pubbliche del territorio barese sia ancora garantito il libero accesso di tutti gli utenti e cittadini bisognosi di cure.

Intanto il 18 gennaio scorso alcuni cittadini-utenti dell’ospedale di Monopoli, assistiti dall’avv. Giuseppe Angiuli e col sostegno dell’associazione COLIBRÌ’ Puglia, hanno già presentato un esposto affinché si verifichi se le limitazioni segnalate presso alcune strutture ospedaliere della ASL Bari possano eventualmente avere già determinato delle responsabilità penalmente rilevanti.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: