Grande partecipazione a “la notte del Liceo” Classico: la cultura non è mai fuori moda!

“AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE, PARI O CONTRARIA.”
Inizia così con il Terzo Principio della dinamica, una legge fisica, l’articolo, intitolato “NON C’AVRETE MAI COME VOLETE VOI” scritto da uno degli studenti del Liceo De Santis-Galilei di Manduria per spiegare che “il liceo classico è un agglomerato di cultura, racchiude in sé tutto lo scibile umano.”
“Dopo numerose campagne “anti-classico” che additano questo indirizzo di studio come inutile e ormai superato, i licei di tutta italia hanno deciso di agire, o meglio, di REAGIRE. Come? Aderendo all’iniziativa “la notte del liceo”. Una serata – racconta Teodoro Dadamo, della 4^ C Liceo CLASSICO – in cui è venuto il meglio del meglio, un mix di suoni, danze, letture classiche e filosofiche e sport. Il tutto organizzato in pochi giorni da ragazzi e alunni, i quali hanno donato, è il caso di dirlo, notte e giorno, letteralmente, anima e corpo per la riuscita dell’evento. E gli sforzi sono stati decisamente ripagati, ripagati dalla gente che che ha sostenuto l’evento e vi ha preso parte. E alla fine si sa, la cultura irrompe nel sistema e vince sempre e anche stavolta non ha fallito. Il liceo nel giorno di venerdì 16 gennaio è stato inondato per tutta la giornata pomeridiana e serale, dalle 18 alle 24, da studenti, professori e tantissima gente curiosa di vedere il liceo all’opera. In questa giungla che è oramai il settore dell’istruzione e della cultura, il De Sanctis-Galilei è stato un leone che, tornato finalmente ad uscire allo scoperto, ha deciso di riprendere in mano la situazione: il liceo classico non è morto, né morirà mai. Certamente ha bisogno di qualche piccolo cambiamento, ma non mi si vada a dire in giro che sia fuori moda: la cultura non è mai fuori moda! La propria identità non è mai fuori moda. Eliminare gli studi classici – conclude lo studente manduriano – varrebbe a eliminare noi stessi, a dimenticare ciò che è stato prima di noi, a negare che la parte migliore e forse l’unica che si salva in questo periodo di crisi è proprio la nostra cultura che ha regnato sovrana tanti anni fa come ancora oggi. …Lasciate ogni speranza voi che……tentate, avete tentato e tenterete di mandare a morte un indirizzo che ha fornito e tuttora fornisce e forma menti all’apertura e all’elasticità mentale, che promuove la cultura e che dà una forte sveglia ai ragazzi.

medea2

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: