Durante (FI) su esito elezioni: “Siamo sicuri che siano stati i concittadini a tradire i candidati manduriani, o il contrario?”

Siamo sicuri che siano stati i concittadini a tradire i candidati manduriani, o il contrario?”

E’ quanto afferma il commissario cittadino di Forza Italia di Manduria Arcangelo Durante facendo riferimento ad un articolo di stampa locale in cui si accusano i manduriani di “tradimento” per la mancata elezione al Parlamento dei candidati locali.
Parlare di tradimento nei confronti dei concittadini, a mio avviso, è gravissimo, in quanto bisogna avere rispetto della volontà popolare. Credo, invece, sia stato il contrario, visto che gli stessi candidati, pur avendo ricoperto ruoli istituzionali e politici di primo piano, negli ultimi due anni, stando all’opposizione dell’Amministrazione Pecoraro, non hanno detto una parola per difendere e tutelare i manduriani attanagliati quotidianamente da problemi sociali seri, come la questione della puzza Eden 94, problemi cimiteriali, strade dissestate ecc. ecc.
Analizzando il voto emerge che gli elettori, fermo restando l’ondata favorevole per Fratelli d’Italia, hanno scelto Dario Iaia di Sava e Giovanni Maiorano di Maruggio perché questi due candidati, evidentemente, hanno dimostrato anche di tenere sia al loro paese che al territorio.
Se già nel proprio paese i manduriani riconoscono l’inefficacia della loro azione politica- conclude Durante –  come possono tali esponenti aspirare ad avere un ampio consenso ed essere eletti? Sarebbe opportuno, dunque, a questo punto un serio esame di coscienza”