Di Cagno Abbrescia (AQP) scrive a Giulia: “I depuratori sono amici dell’ambiente”

Anche il Presidente di Acquedotto Pugliese Simeone di Cagno Abbrescia scrive alla piccola Giulia che aveva chiesto aiuto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

per contrastare il possibile inquinamento del mare del costruendo depuratore consortile Manduria- Sava il cui progetto è privo ancora della parte finale sullo scarico emergenziale.

Il Presidente di AQP naturalmente tranquillizza la piccola e la invita a visitare gli altri impianti già realizzati. Questa la lettera:

Cara Giulia,
mi fa molto piacere leggere la tua sensibilità verso l’ambiente. La terra, infatti, è la casa di tutti e il suo futuro dipende da ciascuno di noi e dai nostri piccoli, grandi impegni quotidiani.
Le tue parole rappresentano un’opportunità per spiegare cos’è un depuratore e qual è la sua funzione. Un concetto ci preme sottolineare con fermezza: i depuratori sono la soluzione per contrastare l’inquinamento del mare e contribuiscono alla salvaguardia dell’ambiente.
Il depuratore è, infatti, un impianto tecnologico che ripulisce con metodi naturali le acque che vengono utilizzate nelle abitazioni, rendendole riutilizzabili per i più svariati usi, a completamento dell’intero ciclo dell’acqua. Le sue acque possono essere, altresì, impiegate per usi civili e soprattutto in agricoltura.
La depurazione è un processo del tutto naturale. Per il suo funzionamento è, infatti, indispensabile l’attività di microrganismi unicellulari, definiti anche batteri “buoni” che hanno il compito di pulire le acque. Nel depuratore semplicemente si favorisce, riducendolo nei tempi, un processo naturale che nell’ambiente richiede anche anni.
Quando parliamo di depuratori parliamo di presidi sociosanitari a servizio delle comunità, del territorio e soprattutto dei nostri mari che sono tra i più belli d’Italia grazie anche agli impianti di depurazione.
Quando un depuratore non è presente, i liquami vengono smaltiti tal quali nell’ambiente con gravi conseguenze sulla salute pubblica. Un depuratore non inquina mai. È amico dell’ambiente.
La Puglia, con l’Acquedotto Pugliese è stata pioniera in Italia e in Europa nel campo della depurazione, sperimentando impianti già a partire dagli anni ‘20. Oggi, Acquedotto Pugliese gestisce 183 depuratori in Puglia, un parco impiantistico tra i più grandi ed evoluti d’Italia sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista della qualità delle acque rilasciate.
Per far conoscere da vicino un depuratore le porte dei nostri impianti sono sempre aperte. Per questo, nei prossimi giorni, saremo lieti di accoglierti, insieme ai tuoi compagni di scuola per scoprire i tanti benefici della depurazione.
Ti aspetto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: