Depuratore Manduria – Sava: la posizione di Fare Verde Puglia

Anche Fare Verde Puglia parteciperà all’incontro fissato per lunedì prossimo in Prefettura a Taranto, convocato dal Presidente della Regione Puglia, Emiliano, sulla questione dei Depuratori delle acque reflue di Nardò – Porto Cesareo e Manduria – Sava.
“Fare Verde Puglia esprime il proprio sostegno al previsto riutilizzo in agricoltura delle acque depurate ed affinate o, comunque, allo spandimento su suolo. Ciò comporterà una giusta modifica al Piano di tutela delle acque, con salvaguardia di un litorale ancora incontaminato e fruibile turisticamente (con le opportune salvaguardie per non devastare le dune!). Altresì, pienamente evidenti sono i benefici che ne trarranno le coltivazioni agricole, oltre ad un recupero di una preziosa risorsa, l’acqua, in un periodo di perdurante siccità e desertificazione del territorio.
Riutilizzo agricolo ed ambientale di queste acque depurate ed affinate, eventualmente anche con auspicata fitodepurazione, che ha costituito una battaglia coerentemente portata avanti negli anni dal Nucleo di Nardò di Fare Verde Puglia, contro il semplice scarico in mare dei reflui trattati dal Depuratore di Nardò – Porto Cesareo in uno dei tratti di litorale maggiormente fruiti dai bagnanti. Battaglia che, con la nuova Amministrazione Comunale di Nardò, ha visto il giusto coronamento riuscendo a mutare gli originari intendimenti Regionali, nell’acquiescenza della Giunta Risi. Ora questo risultato, divenuto patrimonio procedurale in materia della Regione Puglia, sarà sviluppato anche con riferimento al Depuratore di Manduria – Sava, ponendo fine allo scempio ambientale perpetrato da migliaia di pozzi neri “ad assorbimento” o all’immissione dei reflui tal quale nel sottosuolo.”
“Non è più tempo di tergiversare o diffondere false informazioni, – conclude Fare Verde Puglia – Agricoltura ed ambiente non possono più attendere!”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: