Chiude la Dialisi di Torricella! Pazienti e famiglie allo sbando

Dal 1° agosto chiude il Centro Dialisi SS. Medici di Torricella gestito dalla società NEPRHOCARE Spa.

A darne notizia ai lavoratori è stato direttamente l’Ufficio personale con una mail in cui giustifica il provvedimento per motivi “economici produttivi”. La Cisl Fp non ci sta e chiede l’intervento della Asl Ta, del Prefetto e del Comune: “Ancora una volta, dunque, assistiamo ad una deriva del sistema sanitario che non pone al centro la salute o il paziente, ma l’economia e la produzione, ignorando i bisogni di chi soffre e le esigenze sociali di una intera comunità. In un quadro normale di relazioni, anche umane, ci si sarebbe aspettato che la società si fosse confrontata prioritariamente e pubblicamente con i responsabili istituzionali del territorio, della sanità e di chi rappresenta i lavoratori. Sarebbe stato utile rappresentare le problematiche e cercare le soluzioni possibili con tutti i protagonisti, dipendenti compresi. Ma così non è stato. Si respira una brutta aria nel nostro paese, dove sembra prevalere un atteggiamento di supponente arroganza, di impunità per l’assunzione di provvedimenti che arrecano pregiudizio alle fasce più deboli e bisognose, che tende a far apparire normale licenziare con un whatsapp o chiudere con una fredda mail un centro che assicura prestazioni sanitarie che, come in questo caso, salvano la vita ai dializzati. In questo processo anche i lavoratori diventano vittime, privati dei più elementari diritti di informazione e di confronto, destinati anch’essi ad essere trasferiti a decine di Km.” “Riteniamo essere un dovere morale opporsi ad iniziative che mortificano le comunità, i cittadini, i pazienti, oltre che i dipendenti. – afferma in una nota la Cisl Fp- che invita i responsabili istituzionali, Comune di Torricella e Prefetto compresi, la Asl di Taranto e l’azienda che gestisce il servizio ad incontrare con immediatezza le OO.SS., non escludendo soluzioni che possano affidare il servizio a chi è in grado di garantirne la continuità nel medesimo territorio.”

“Se trovano, anche in questa circostanza, conferma di come sia iniqua la spesa sanitaria nel nostro paese che vede penalizzato il Mezzogiorno, dove le risorse continuano a non essere sufficienti a differenza di aree geografiche storicamente più fortunate, come Cisl Fp – conclude il Responsabile Territoriale Sanità Privata Cisl Fp Flavia Ciracì e il Segretario Generale Cisl Fp Ta Br Massimo Ferri: siamo determinati a proseguire con determinazione quella che riteniamo essere una battaglia di civiltà”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: