Turismo Taranto: Labriola (FI) “Una città tanto degradata non potrà mai essere attrattiva”

“Nel Paese in cui il turismo è una risorsa economica primaria, voce importante del PIL nazionale, in una Puglia che seppure a macchie di leopardo ha saputo promuovere e vendere al mercato turistico nazionale e internazionale alcune delle proprie bellezze, Taranto continua ad essere il fanalino di coda. A poco o nulla servirà lo sforzo di alcuni, si pensi ad esempio ai promotori dell’ammirevole progetto Made in Taranto, se il territorio, la città e il suo hinterland, non saranno sottratti ad un degrado devastante e crescente.” E’ quanto sostiene in una nota l’on. Vincenza Labriola di Forza Italia – “La città è sporca, maleodorante, priva di servizi essenziali (per cittadini e turisti), ostaggio di nodi mai sciolti quali l’abusivismo commerciale e la mancanza di sicurezza. In centro città e non solo. Le nostre spiagge? Spesso sporche e non curate. I nostri monumenti? Perle ricoperte dalle polveri dell’Ilva e sovente in stato di quasi abbandono. L’amministrazione comunale appena insediata ha il dovere di prendere sul serio quella che è una vera e propria emergenza. Taranto, così com’è, non riparte e non ripartirà. Esistono condizioni necessarie, che in città non sono da tempo garantite. Passata la sbornia dei festeggiamenti elettorali, Melucci e i suoi si mettano all’opera, con concretezza e dedizione, chiamando anche la Regione, e Roma, ad assumersi le reciproche responsabilità nel percorso di risanamento e di rilancio di Taranto. Se così non sarà – conclude la depurata tarantina che è anche componente della Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati – i tarantini saranno destinati a perdere altri cinque anni preziosi”.

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: