Taranto: si buca una siviera, fuoriesce acciaio fuso.

Una foto giunta in forma anonima a VeraLeaks.org il sito di giornalismo investigativo e diffusa sui social raffigura la fuori uscita, in maniera incontrollata, di acciaio fuso a causa della rottura di una siviera. Secondo quanto spiegato da Luciano Manna, esponente di Peace Link in un suo post sarebbe accaduto all’Acciaieria Reparto 2 convertitore 3 questa mattina alle 7.30. “Acciaio – dice – che scioglierebbe un operaio in pochi secondi, ciò non è accaduto solo per una casualità. Gli operai rischiano la vita ogni giorno. Se non muoiono, lì dentro, è solo perché si produce per un profitto affidandosi al caso, alla fortuna. Tutto ciò non è più tollerabile.”
Da qualche giorno è in corso sul sito www.tarantolibera.it una petizione giunta già a 2000 firme a sostegno dell’esposto “Col veleno nel sangue ed il cuore in mano” che denuncia le ripetute emissioni diffuse dal siderurgico tarantino anche dopo la nuova gestione. Mentre si valutano conseguenze e possibili ulteriori azioni in merito alla sentenza Cedu sul caso Ilva, che ha fatto emergere la grave assenza di misure preventive e controlli da parte della pubblica autorità nel periodo di tempo indagato dalla Corte, che ha condotto alla violazione dei diritti alla vita ed alla salute dei cittadini di Taranto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: