Taranto: “Ribatti”, la lotta di Acli e 118 contro l’arresto cardiaco improvviso

Saranno 15 i defibrillatori distribuiti nel tessuto cittadino di Taranto grazie al progetto “Ribatti” ideato dalle Acli provinciali con la preziosa collaborazione del 118. L’obiettivo ambizioso dell’iniziativa, presentata in una conferenza stampa, dal direttore del 118 Mario Balzanelli, è raddoppiare le percentuali di sopravvivenza post ospedaliera di chi viene colpito da arresto cardiaco improvviso. Taranto, oggi, attesta questa percentuale sull’8,05 %, migliorando la media mondiale ma ancora lontana dai dati della Danimarca, nazione obiettivo di un percorso che nasce lontano.
L’acquisto dei defibrillatori da parte delle Acli, grazie alle risorse messe a disposizione dal “5xmille”, ne è stato il primo passo. Vi farà seguito una campagna di formazione per la conoscenza e l’applicazione delle pratiche basilari di supporto alle funzioni vitali, necessarie per intervenire tempestivamente in caso di arresto cardiaco e utilizzare con criterio i defibrillatori.
Completerà il percorso la distribuzione delle apparecchiature in luoghi strategici della città, che saranno comunicati tradizionalmente e attraverso una mappa costantemente aggiornata, presente sul sito ufficiale dell’iniziativa ribatti.org. Il traguardo di questo progetto, in sostanza, è fare di Taranto una città cardioprotetta.
L’arresto cardiaco improvviso extra ospedaliero colpisce mortalmente in Italia una persona ogni 8 minuti. Il dottor Balzanelli, infatti, ha spiegato quanto sia fondamentale l’intervento tempestivo di chiunque in grado di praticare un massaggio cardiaco entro quattro minuti dall’evento, e quanto faccia ulteriormente differenza l’utilizzo di un defibrillatore entro otto minuti. La formazione diffusa, quindi, e la reperibilità delle apparecchiature possono segnare la linea tra la vita e la morte. In Danimarca sono stati fatti investimenti specifici in questo senso, attraverso le scuole, e ora la metà della popolazione conosce le pratiche basilari di supporto alle funzioni vitali e il 21% dei colpiti da arresto cardiaco improvviso esce vivo dagli ospedali.
In Italia le percentuali sono molto differenti: solo 1 cittadino su 10 sa praticare un massaggio. E a Taranto, dove vengono date anche istruzioni telefoniche dagli operatori del 118, c’è ulteriore riluttanza. Ecco perché, come ha spiegato il presidente delle Acli provinciali di Taranto Aldo La Fratta, spendersi per la formazione e il coinvolgimento di quante più persone possibile nella catena del soccorso è un investimento fatto prima di tutto per sé stessi.
All’incontro ha partecipato anche il prefetto di Taranto Umberto Guidato, molto interessato allo sviluppo di questo progetto.

Ambulanza-118

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: