Taranto: operazione antidroga “Duomo 2011” – nomi e foto

Prende il nome dalla via ove è ubicato il duomo dedicato al Santo Patrono della città di Taranto, l’operazione antidroga “Duomo 2011” scattata all’alba e condotta dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza che hanno arrestato 39 persone appartenenti al Clan Taurino e accusate di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti. Proprio in quel luogo, la Città Vecchia erano allocati due immobili che, nella disponibilità delle persone indagate, fungevano da “centrali” per l’illecita attività e per questo sono stati sottoposti a sequestro quale misura di prevenzione patrimoniale.

L’attività di indagine, è stata eseguita dai finanzieri del Gruppo di Taranto sulle costanti direttive della Procura della Repubblica presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce finalizzata a stroncare l’attività illecita un’ associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, che aveva la sua base operativa appunto nella Città Vecchia di Taranto.

Gli investigatori si sono avvalsi di intercettazioni telefoniche e ambientali, nonché attività di osservazione, pedinamento e controllo, oltre che monitoraggio delle zone interessate dalle attività criminali con filmati registrati con telecamere che riprendevano le zone interessate dalle attività criminali.

Dalle risultanze acquisite, è stato appurato che l’associazione mafiosa, caratterizzata da una elevata caratura organizzativa, ha garantito nel tempo un costante approvvigionamento di sostanze stupefacenti, rifornendo capillarmente e sistematicamente aree di mercato sempre più vaste.
duomo

Il totale controllo del territorio si esplicava anche attraverso l’assoggettamento di numerosi piccoli commercianti e la gestione e del commercio dei mitili, oltre che nel quartiere anche presso ristoratori della provincia.

A portare all’avvio dell’indagine le reiterate attività di polizia giudiziaria dei finanzieri del Gruppo di Taranto con l’arresto di 18 persone, colte nella flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti nonchè l’ulteriore identificazione di altre 77 persone responsabili per la stessa violazione penale, denunciati in stato di libertà e di 178 persone segnalate alle competenti Prefetture, secondo i luoghi di loro residenza, per la detenzione di sostanze stupefacenti.

 

In esecuzione del decreto del G.i.p. Del Tribunale di Lecce i militari del Comando Provinciale di Taranto hanno eseguito nella città vecchia di taranto complessivamente 39 ordinanze di custodia cautelare, delle quali 34 in carcere e 5 ai domiciliari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: