Taranto: 161^ Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato

La Polizia di Stato ha celebrato sabato mattina il 161^ Anniversario della Fondazione. La cerimonia si è svolta in forma rigorosamente sobria, secondo le indicazioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri condivise dalla Presidenza della Repubblica, con la partecipazione dei dirigenti dei vari Uffici e Reparti della Polizia di Stato della Provincia e rappresentanze del personale. Il Questore di Taranto Dr. Enzo Giuseppe MANGINI, ricordando i momenti più qualificanti dell’attività svolta nel decorso anno, ha illustrato i risultati conseguiti ed ha ringraziato il personale per l’impegno profuso.

Cerimonia

“L’azione della Polizia di stato è stata particolarmente incisiva sotto il profilo della tutela dell’ordine pubblico, ambito nel quale la puntuale predisposizione ed attuazione dei vari servizi e l’accorta opera di mediazione sviluppata sul campo sono valsi a scongiurare gravi turbative.” – il riferimento del Questore è stato in particolare alle manifestazioni connesse alla nota vicenda “ilva”, ma anche alle altre numerose iniziative di piazza determinate dalle difficili prospettive economico-occupazionali e dal diffuso disagio sociale. “ Sul versante dell’azione di contrasto della criminalità, sono state portate a compimento diverse operazioni. Quella denominata “Centauro”, conclusasi nel novembre scorso con l’arresto nel capoluogo da parte della locale Squadra Mobile, al termine di laboriose indagini coordinate dalla direzione distrettuale antimafia di Lecce, di 24 persone, tra cui elementi di spicco di clan malavitosi, responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Di rilievo anche l’operazione portata a compimento nel dicembre scorso denominata “Cerbero”, culminata nell’arresto, su ordinanze di custodia cautelare richieste dalla Direzione Distrettuale Antimafia di lecce, di 10 persone appartenenti ad una organizzazione criminale operante sull’asse napoli-taranto, per associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti con diversi sequestri di droga.

Il Questore Mangini nella sua relazione ha citato inoltre l’arresto dell’autore dell’omicidio di un giovane pregiudicato compiuto a Grottaglie nel novembre dello scorso anno, operato in collaborazione tra Squadra Mobile e il locale Commissariato, ed il fermo effettuato dalla Squadra Mobile in collaborazione con l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso pubblico, di tre soggetti resisi responsabili nel capoluogo, nella notte del decorso 6 gennaio, di gravi danneggiamenti ed atti vandalici che avevano suscitato notevole allarme sociale.
Ma tante altre sono state le operazioni di servizio condotte a termine nel corso dell’anno da parte dei vari organismi operativi. in particolare sono state tratte in arresto 384 persone, denunciate in stato di libertà 1.164, sequestrati 151 kg. di sostanze stupefacenti, 103 kg. di materiale esplodente classificato, 484 artifici non classificati, nonché 21 pistole e 17 fucili.
sul piano della prevenzione sono stati riorganizzati nel capoluogo i servizi di controllo del territorio in base al nuovo piano coordinato, approvato in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Esso prevede, oltre ad una più razionale ripartizione delle competenze in tema di vigilanza e pronto intervento tra Polizia di stato ed Arma dei Carabinieri, un maggiore coinvolgimento degli altri organismi di Polizia, Statali e Locali, presenti sul territorio.

Al termine della celebrazione, il Questore ha consegnato gli attestati di riconoscimento attribuiti al personale della Polizia di Stato per meriti di servizio.
Prima della cerimonia, presso la Caserma D’Oria sede del XV Reparto Mobile, il Prefetto di Taranto Dr. Claudio SAMMARTINO, accompagnato dal Questore, ha reso omaggio ai caduti della Polizia di Stato con la deposizione di una corona al Cippo commemorativo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: