S. Pietro in Bevagna: estate alle porte…soliti disservizi?

Si alternano sindaci e commissari ma, ogni anno, a San Pietro in Bevagna e, in generale, nella marina di Manduria restano le stesse problematiche di sempre. Nonostante ciò

il presidente dell’Associazione “Io Amo San Pietro in Bevagna” Cosimo Fontana non si scoraggia e torna a scrivere all’Amministrazione Comunale, oggi rappresentata dalla Commissione Straordinaria, nella speranza che qualcuno prima o poi voglia migliorare la vivibilità della marina alleviando i disagi segnalati.
La missiva, inoltrata alla Commissione Straordinaria, al comandante della Polizia Municipale Dott. Vincenzo Dinoi e al Responsabile Area tecnica del Comune di Manduria raccoglie le istanze (supportate da una dettagliata documentazione fotografica) dei cittadini residenti, nonché dei villeggianti e turisti tutti che frequentano la nostra costa:
1- Rallentatori sulla via principale della marina, da subito dopo la rotatoria fino al centro del paese, poiché in assenza di una pista ciclabile e per pedoni. “Ogni anno si assiste a vere e proprie gare automobilistiche molto pericolose, – ricorda il presidente dell’Associazione – possiamo segnalare il decesso di due persone e centinaia di incidenti, confidiamo in questa prossima stagione estiva di non dover stilare altri bollettini.”
2- Ripristino passerelle per disabili di accesso in spiaggia da Torre Borraco, passando per il centro, fino a Torre Colimena.
3- Ripristino manto stradale via delle Tuberose contrada Torre Borraco, la suddetta strada è impercorribile in situazioni normali, mentre in giornate uggiose si accumulano nelle buche delle pozzanghere pericolose per la viabilità.
4- Ripristino della pubblica illuminazione e rimozione sterpaglia sulla via del Chidro che porta a Torre Colimena. “Ormai sono due anni – evidenzia Fontama – che si vive al buio, con rischio molto alto per i pedoni, ricordiamo che la zona è fornita solo di una piccolissima pista ciclabile cui subito si è costretti a camminare per strada e in questo momento anche al buio.”
5- Ripristino pubblica illuminazione in Via dei Crescioni, Via Fellone, Via Piacentini, via Chidro, vie queste summenzionate completamente al buio.
6- Spostamento del mercato etnico nella zona affidata e non nel tratto di passeggio retrostante piazza delle Perdonanze, poiché di utilizzo per il passeggio e ricordiamo di far rispettare quanto prima la ZTL.
7- Si richiede un presidio delle forze dell’ordine e/o vigili urbani per fronteggiare tutti i problemi che ne sussegue non avere queste presenze sul territorio, sia per le attività commerciali che per i residenti.
8- Si richiede sin da subito una pulizia più accurata dei luoghi, con maggiore attenzione della pineta e di piazza delle perdonanze, punto di ritrovo di Rom e turisti mordi e fuggi dell’ultima ora, che non hanno rispetto dei luoghi.
9- Installazione dei cassonetti per la differenziata lungo la costa, così da evitare i cumuli di spazzatura che si è costretti a vedere sulle spiagge dovute a cestini troppo piccoli.
10- Situazione parcheggi litoranea. “Spesso assistiamo – spiega Fontana – a parcheggi selvaggi sulle dune e sulla strada limitando drasticamente la viabilità, quindi preghiamo agli addetti ai lavori di identificare i punti dove poter parcheggiare in totale sicurezza.”

Nell’augurare buon lavoro alla Commissione che da poco si è insediata al Comune di Manduria, Cosimo Fontana spera che questa non sia l’ennesima comunicazione che rimane giacente nei cassetti di qualche scrivania, ma possa trovare tempestivo e immediato riscontro e che si possa conseguire qualche risultato per la prossima stagione balneare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: